Accordi tra Cina e Yemen

12 Aprile 2006

PECHINO: Il Presidente della Repubblica Popolare Cinese Hu Jintao, ha incontrato giovedì la sua controparte yemenita, il Presidente Ali Abdullah Saleh, per discutere la firma di una serie di accordi aventi riguardo il settore economico, commerciale e delle telecomunicazioni.

La televisione di stato senza riportare i dettagli dei colloqui e degli accordi sottoscritti dai due paesi, ha riferito che i due Presidenti hanno affrontato varie questioni non solo di natura commerciale, ma anche di politica internazionale, con riferimento al conflitto Medio Orientale e alla situazione di guerriglia irachena.

Il Presidente Hu ha dichiarato che "sempre la Cina promuoverà la ricerca della stabilità in Medio Oriente e nella regione del Golfo, e che non sarà mai d’accordo con ogni azione volta ad incrementare tensioni nella regione".

Hu Jintao ha proseguito dicendo che "le parti coinvolte devono promuovere il dialogo" risolvendo le dispute "attraverso negoziazioni pacifiche in accordo con le risoluzioni promosse dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite".

Il Presidente Saleh è al suo terzo viaggio in Cina.

L’Ambasciatore yemenita in Cina, Marwan Abdulla Noman, ha rilasciato una dichiarazione al China Daily, dove spiega che la delegazione yemenita si propone di persuadere più compagnie cinesi ad investire nel suo paese, soprattutto per quanto riguarda il settore della esplorazione e sfruttamento di nuovi giacimenti di idrocarburi.

Lo scorso anno la compagnia petrolifera SINOPEC, ha firmato un accordo pari a 72 milioni di dollari per l’esplorazione di giacimenti nell’area orientale dello Yemen, e sempre durante l’anno passato Pechino ha importato petrolio per 1.5 bilioni di dollari, circa 450.000 barili al giorno.

L’Ambasciatore ha oltremodo dichiarato che in virtù del 50esimo anniversario delle relazioni diplomatiche tra i due paesi verranno siglati anche numerosi accordi nel campo delle infrastrutture.

L’anno trascorso il commercio bilaterale tra i due paesi è stato stimato intorno ai 3.2 bilioni di dollari, mentre se si prendono in esame gli ultimi tre anni il trade tra i due paesi ha raggiunto una cifra intorno ai 100 milioni di dollari.

Marianna Sacchini

Lascia un commento





Asia Digest
Ricevi aggiornamenti a cura dei Blogger di Corriere Asia

OK Proviamo ;) 
Combattiamo lo Spam - 100% Spam Free
close-link