ADB prevede forte crescita per le economie dell’estremo oriente

6 Settembre 2006

MANILA: Le economie dei paesi emergenti dell’Asia dovrebbero registrare una crescita del 7.7% per il 2006, più alta rispetto a quella inizialmente prevista del 7.2% dall’Asian Development Bank (ADB).

La forte crescita della Cina e dell’India, che insieme rappresentano più della metà del GDP dell’area, ha giocato un ruolo determinante per la spinta delle economie degli altri paesi. L’economia della Cina è cresciuta del 10.9% nella prima metà dell’anno, e secondo le previsioni dell’ADB sarà complessivamente del 10.4% a fine anno. Per quanto riguarda l’India, la produzione agricola e l’espansione industriale e dei servizi sono i principali fattori che potrebbero spingere l’economia del paese a raggiungere una crescita del 7.8% a fine anno.

Sempre secondo le previsioni dell’ADB, l’economia della Corea del Sud dovrebbe crescere del 5.1%, mentre quella di Taiwan del 4.3%. Le esportazioni di rame e oro della Mongolia dovrebbero garantirle una crescita economica del 6.8%, mentre l’instabilità politica della Thailandia e il rinvio dei progetti per le infrastrutture ne rallenteranno l’espansione al 4.2%.

Positive anche le previsioni per la crescita economica della Malesia e delle Filippine, rispettivamente del 5.2% e del 5.4%.

Silvia Angeli

Lascia un commento





Asia Digest
Ricevi aggiornamenti a cura dei Blogger di Corriere Asia

OK Proviamo ;) 
Combattiamo lo Spam - 100% Spam Free
close-link