Banche cinesi, è di moda l’IPO

27 Settembre 2006

PECHINO: Dopo la notizia dell’imminente offerta pubblica iniziale di ICBC — Industrial & Commercial Bank of China -, continua il trend delle banche cinesi che auspicano la quotazione in borsa. La Banca di Pechino — Bank of Beijing -, seconda lender municipale cinese alla quale è consentito di operare fuori dalla propria città, programma di lanciare un’offerta pubblica iniziale da 500 milioni di dollari nel 2007. La Banca di Pechino vorrebbe quotarsi alla borsa di Hong Kong, ma la China Securities Regulatory Commission ha optato per la Cina continentale, affermano fonti attendibili. Già lo scorso mese il presidente del consiglio d’amministrazione Yan Bingzhu ha anticipato che la banca avrebbe venduto parte delle proprie azioni a Hong Kong o in Cina intorno alla fine del prossimo anno. La Banca di Pechino appartiene per il 19,9% a ING Group, maggiore banca olandese, e per il 5% a International Finance Corp, braccio finanziario privato del gruppo Banca Mondiale. Anche la Banca Commerciale di Nanchino – Nanjing City Commercial Bank -, per il 19% della francese BNP Paribas, è in attesa dell’approvazione per quotarsi nel mercato domestico.

Lascia un commento