Cina, ancora una destinazione economica per i turisti stranieri

16 Maggio 2006

PECHINO: I turisti stranieri a Pechino, alla notizia di uno yuan sempre più forte, hanno reagito affermando che "viaggiare in Cina è ancora conveniente", anche se secondo gli esperti per un aumento sostanziale dei prezzi è solo questione di tempo.

Negativa, invece, la reazione delle agenzie di viaggio cinesi, che prevedono tempi duri o comunque un forte calo nei profitti.

Circa 120 milioni i viaggi fatti da visitatori stranieri in Cina lo scorso anno, secondo l’Ente del Turismo Nazionale cinese. Inoltre, il Gigante asiatico è stato la quarta maggiore destinazione turistica nel 2004 per numero di viaggi di stranieri.

Tuttavia, uno studio condotto quest’anno dall’Accademia Cinese delle Scienze Sociali (CASS) prevede che un ulteriore apprezzamento dello yuan getterà un’ombra sull’industria turistica cinese per quanto concerne il suo sviluppo a lungo termine.

Mentre il cambio offre sicuramente un maggiore potere di acquisto ai cittadini cinesi, che continuano a prediligere l’estero per le loro mete vacanziere, la popolazione appare però divisa riguardo i loro piani di viaggio, che potrebbero essere stravolti da questa nuovo trend valutario. Oltre 29 milioni di cittadini cinesi hanno fatto dei viaggi all’estero nel 2004, registrando un aumento del 43% l’anno, spendendo per ogni viaggio una media di 987 dollari solo nello shopping, secondi solo ai turisti giapponesi, riferisce uno studio condotto dalla ACNielsen.

Ylenia Rosati

Lascia un commento





Asia Digest
Ricevi aggiornamenti a cura dei Blogger di Corriere Asia

OK Proviamo ;) 
Combattiamo lo Spam - 100% Spam Free
close-link