Cina auspica rallentamento investimenti in industria automobilistica

28 Aprile 2006

HONG KONG: Il Governo si sta muovendo per rallentare gli investimenti nell’industria automobilistica, hanno riferito ieri i funzionari, una delle tante azioni intraprese dal Governo per limitare la crescita nei settori la cui produzione supera la domanda.

Si tratta di una mossa che segue l’applicazione di misure di controllo in altre industrie, quali quelle dell’alluminio, ferro e cemento, ha riferito He Yanli, direttore del dipartimento dell’Industria della commissione nazionale, nel corso di una conferenza stampa a Pechino.

Le società automobilistiche locali e straniere stanno investendo miliardi di dollari presso nuove industrie automobilistiche.

A marzo il Governo ha messo in guardia da problemi di sovrapproduzione e ha riferito che avrebbe limitato il suo consenso per la realizzazione di nuove imprese automobilistiche.

La vendita di auto in Cina nel primo trimestre dell’anno ha visto un aumento del 74%, pari a 890mila unità, ha riferito l’agenzia ufficiale Nuova Cina agli inizi di aprile, citando le stime dell’Associazione cinese delle industrie automobilistiche.

L’industria automobilistica locale ha avuto una ripresa solo lo scorso anno, dopo un rallentamento dal 2004, quando il Governo prese delle misure per limitare il prestito bancario verso vari settori considerati in pericolo di surriscaldamento, inclusa l’industria automobilistica.

Nel frattempo, il Governo ha annunciato la chiusura dei piccoli impianti di coke entro la fine del 2009, per aiutare a ridurre la sovrapproduzione nel settore.

Ylenia Rosati

Lascia un commento





Asia Digest
Ricevi aggiornamenti a cura dei Blogger di Corriere Asia

OK Proviamo ;) 
Combattiamo lo Spam - 100% Spam Free
close-link