Cina: Progetto della diga delle tre gole sara’ completato prima del previsto

6 Febbraio 2006

La China Yangtze River Three Gorges Project Development Corporation, la compagnia che gestisce la costruzione della gigantesca diga delle Tre Gole, ha fatto sapere che l’ambizioso e controverso progetto sarà ultimato non solo secondo i piani prestabiliti, ma anche con nove mesi d’anticipo. Entro maggio di quest’anno sarà completata la metà più vicina alla riva meridionale. Iniziata nel 1993 è alta 185 metri, lunga 2,309 chilometri ed è situata vicino alla Gola Xiling. Progettata per essere costruita in tre parti, la prima è stata completata nel 1997 e la seconda nel 2002 (in realtà il progetto risale al lontano 1919 quando Sun Yat-Sen ne propose per primo la realizzazione). Nel cuore della più vera e profonda terra rurale della Cina, lungo il corso del terzo fiume più lungo del mondo, lo Yangtze o Fiume Azzurro, (circa 6.300 chilometri complessivi), una volta completata, la diga delle Tre Gole sarà il più grande ed il più imponente impianto idroelettrico del mondo tanto da creare un serbatoio esteso per 400 miglia a monte. Una meraviglia ingegneristica, così come è stata definita dai progettisti che hanno lavorato alla sua realizzazione, ma che muterà per sempre lo splendore del paesaggio di una delle più belle regioni della Cina. Avrà un costo di 180 miliardi di yuan (22 miliardi di dollari) e richiederà 16 milioni di metri cubi di cemento armato, riferisce l’agenzia di stampa ufficiale "Nuova Cina". Cao Guangjing, vice manager del progetto, ha affermato che la diga sarà ultimata in tre mesi di tempo, non ha però spiegato le ragioni della frettolosa anticipazione del progetto. La diga dovrà impedire inondazioni, produrre maggiore energia e migliorare il trasporto. 14 dei 26 generatori previsti per la diga sono già stati installati e una volta che tutti saranno in loco raggiungeranno una capacità di 18.2 milioni di kilowattora di elettricità (nel solo 2005 ne sono stati registrati 49.09). Tuttavia, il progetto è stato pesantemente criticato per i suoi costi assurdi e la sua non verificata capacità di controllare le inondazioni. Per il governo cinese, la diga rappresenta soprattutto il simbolo dell’orgoglio nazionale. Ma secondo un rapporto del WWF, quando l’imponente opera verrà completata, le acque del "Fiume Azzurro", in parte già deviate, saliranno di tre metri al giorno sino ad aumentare di 175 metri complessivi, allagando villaggi e paesi e costringendo oltre un milione di cittadini ad abbandonare le proprie abitazioni spostandosi in altri villaggi. Più di mille siti archeologici saranno completamente sommersi dall’acqua così come decine di specie animali già gravemente minacciate rischieranno seriamente l’estinzione. Ma a preoccupare gli ambientalisti sono anche altre possibili conseguenze fra cui le alterazioni climatiche causate dall’evaporazione e le frane sui pendii delle montagne.

Lascia un commento





Asia Digest
Ricevi aggiornamenti a cura dei Blogger di Corriere Asia

OK Proviamo ;) 
Combattiamo lo Spam - 100% Spam Free
close-link