Cina rafforza leggi contro crimini finanziari

30 Giugno 2006

Le modifiche apportate alla Legge contro il crimine, adottata il 29 giugno, prevedono un aumento delle punizioni per gli executive corrotti. Le modifiche adottate dalla Commissione Permanente dell’Assemblea Nazionale Popolare estendono anche la definizione di crimini economici, fino a includere le azioni che minacciano i mercati finanziari o l’amministrazione societaria. Le punizioni possono arrivare a 7 anni di prigione per le colpe più gravi, come impadronirsi delle quote della società.

Lascia un commento





Asia Digest
Ricevi aggiornamenti a cura dei Blogger di Corriere Asia

OK Proviamo ;) 
Combattiamo lo Spam - 100% Spam Free
close-link