Fuori Salone a Milano: quando il Giappone ispira il design italiano è subito impulso creativo

MILANO: Inaugurata la cinquantesima edizione del Salone del Mobile di Milano si segna così anche l’inizio delle migliaia di occasioni mondane a tema design sullo sfondo milanese. In un periodo in cui il Giappone è diffuso ormai anche nella percezione popolare con l’accezione drammatica del disastro naturale e umano che l’ha colpito, appare come stimolo di incoraggiamento ed energica riflessione l’approccio espositivo presentato da Asian Studies Group, che ospita presso la sua sede e piccola boutique espositiva in zona Porta Venezia a Milano, in collaborazione con Spacciatori di Idee, prototipi di interior design nati dalla fusione dell’estro creativo del giovane gruppo di architetti con il profondo fascino rivestito ancor oggi dalla cultura giapponese. Concept Asia in Design: quando il design italiano reinventa l’estetica giapponese, sotto l’Alto Patrocinio del Consolato del Giappone a Milano, sarà in mostra dal 14 aprile al 17 aprile. Corriere Asia ha intervistato per voi la giovane squadra di designers coinvolti nel progetto. CA: Come nasce il vostro gruppo e perchè il nome "Spacciatori di idee? SI: “Gli spacciatori di idee” nascono a Roma nel 2008 a seguito di una stretta collaborazione tra i 5 Designers nel loro percorso di studi all’Istituto Quasar di Roma. Ciascuno proviene da un’esperienza indipendente e di collaborazione con studi professionali di design a 360°. Lo studio dedica estrema attenzione a tutti gli ambiti della progettazione, alla ricerca di una continua evoluzione sia in ambito professionale che di stile, dettagli e materiali, rendendo lo stile unico e articolato nella sua facile lettura. Il nome "spacciatori di idee", nasce dopo una serie di riflessioni basate su una società, che non lascia spazio ad una sana dose di arte, cultura, design, ecc. mettendo in risalto solo dettagli legati alla pura attualità, costringendo quelle poche menti rimaste, a spacciare idee che potrebbero ricolorare questo spento panorama attuale. CA: Concept Asia in-design: Quando il design italiano reinventa l’estetica giapponese è il nome del vostro fuorisalone, come nasce l’idea? SI: Dall’incontro con Asian Studies Group nasce l’idea e l’esigenza di legare l’Italia con il Giappone attraverso il design, costumi che hanno caratterizzato la loro cultura nei millenni, oggi per noi divengono nel progetto attuato vera e propria chiave di studio. “Gli spacciatori di idee” hanno quindi il compito di trovare punti di incontro basati sulla semplicità e la praticità fra due culture apparentemente lontane fra loro. Se la cultura italiana viene ammirata e presa come punto di riferimento, da quella orientale, per quanto riguarda l’arte, la moda ed il design, nel nostro caso sono gli usi e costumi giapponesi la vera fonte di ispirazione dei concept, progetti che raccontano la sua storia, ma con il valore aggiunto del made in Italy. CA – Che cosa vi ha affascinato di più della cultura/estetica giapponese durante la vostra ricerca? SI: Comprendere ed avvicinarsi ad una cultura così diversa da quella occidentale, ci ha reso partecipi e sensibili ad una radicata tradizione. I forti stereotipi, vengono messi da parte per dar spazio a quegli aspetti più sconosciuti al mondo occidentale ma fortemente significativi per la cultura nipponica. Come si evince da un nostro processo evolutivo basato su interviste e conferenze, abbiamo notato che nonostante la loro crescita tecnologica sono rimasti fortemente legati alle loro origini e usanze. CA: Di quanto accaduto in Giappone recentemente, alla luce del vostro tuffo/ricerca/esplorazione della cultura/estetica giapponese, come lo avete/state vivendo? SI: Non esistono ne parole, ne discorsi che arrivino a sollevare dal dolore e dal senso di impotenza per tutto ciò che il Giappone sta vivendo in questo momento. Cogliamo l’occasione per dedicare ancora di più, con il nostro impegno ed il nostro cuore, quest’omaggio alla cultura giapponese sperando di sensibilizzare a non spezzare mai quei splendidi rapporti che questa cultura fantastica, ha con le proprie tradizioni. Asian Studies Group sta tra l’altro promuovendo una raccolta fondi nell’iniziativa Our Help For Japan, occasione a cui non abbiamo voluto mancare, accostando anche l’occasione espositiva in questione. Concept Asia in design: quando il design italiano reinventa l’estetica giapponese – c/o Asian Studies Group, Via B.Eustachi 9, 20129 Milano www.asianstudiesgroup.net http://www.facebook.com/pages/Spacciatori-di-idee/182801788407976?ref=ts http://www.facebook.com/asianstudiesgroup Maurizio Squadrito

Lascia un commento





Asia Digest
Ricevi aggiornamenti a cura dei Blogger di Corriere Asia

OK Proviamo ;) 
Combattiamo lo Spam - 100% Spam Free
close-link
Join over 4000 of Your Peers!

Signup For Access To Free WordPress Tips & Resources.

For more details click on the below link.
GET IT NOW!
close-link