La Cina deve aiutare gli stati Uniti a combattere il protezionismo

29 Marzo 2006

PECHINO: La Cina deve aiutare gli Stati Uniti a combattere le crescenti tendenze al protezionismo che si stanno sviluppando internamente, poiché contrarie agli interessi di entrambi i Paesi, ha dichiarato oggi a Pechino il segretario americano al Commercio Carlos Gutierrez. "E’ importante che i nostri colleghi cinesi riconoscano la ‘realtà’ delle voci che si sollevano negli Stati Uniti per chiedere delle politiche protezioniste", ha affermato Carlos Gutierrez. « Se non riusciamo a mostrare dei risultati concreti, ciò darà libero spazio a coloro che sono favorevoli alle barriere commerciali », ha aggiunto il segretario americano nel corso dell’ultimo giorno della sua visita in Cina. "La Cina ha ancora tanta strada da percorrere nella risoluzione dei problemi commerciali con suoi partner e nella protezione dei diritti di proprietà intellettuale", ha sottolineato Gutierrez. La sua visita, incentrata sull’apertura del mercato cinese, l’accelerazione della riforma monetaria e il rispetto della proprietà intellettuale, è coincisa con l’annuncio del rapporto sull’esame da parte del Congresso americano delle possibili sanzioni commerciali contro la Cina. I promotori della legge, Charles Schumer, democratico, e Lindsey Graham, repubblicano, in visita in Cina la settimana scorsa, hanno riferito ieri che il voto che obbligherebbe la Cina ad accelerare le sue riforme monetarie è stato rimandato al 29 settembre. "Sono sicuro che la Cina non è un partner che può essere spinto ad agire solo attraverso pressioni", ha dichiarato Gutierrez alla stampa.

Ylenia Rosati

Lascia un commento