Li Keqiang dichiara guerra all’inquinamento

inquinamento shanghai cina

Il neo-Primo Ministro della Repubblica Popolare Cinese, Li Keqiang, nel suo primo discorso in tale veste durante la sessione annuale del Parlamento a Pechino, ha annunciato una “guerra all’inquinamento”. Nelle maggiori città cinesi, infatti, lo smog è a livelli talmente elevati da risultare quasi tangibile, portando in casi estremi alla chiusura di scuole, edifici pubblici e strade.

Tracciando gli obiettivi per il futuro, il Premier parla di una società più equa, in cui il bene del popolo è posto al di sopra degli interessi economici del governo. Pechino sembra procedere con uno sviluppo inefficiente con danni all’ambiente e implicazioni dirette per le persone che risiedono nel paese.
Il nuovo governo prevede di agire sul mercato dei “permessi di inquinamento”, la cui efficacia è stata più volte chiamata in causa. Tale meccanismo è stato istituito con la funzione di limitare le emissioni di sostanze inquinanti, obbligando le imprese che superano certi limiti ad acquistare i permessi sul mercato ed incentivandole, di conseguenza, ad investire in tecnologie più “pulite”.
Il funzionamento di questo sistema prevede che una provincia debba fissare un importo massimo di sostanze inquinanti che la zona può assorbire in un determinato periodo di tempo e, successivamente, tradurre tale importo in diritti di inquinamento da rendere disponibili alle imprese.
Tuttavia, questa misura non ha fino ad ora ottenuto gli effetti desiderati a causa della debole implementazione dovuta all’assenza di norme giuridicamente vincolanti che obblighino le imprese ad utilizzare tali permessi e all’assenza di un meccanismo equo di determinazione dei prezzi.
Dal 2007, la Cina ha istituito più di 20 piattaforme di commercio dei permessi di inquinamento. Ora la nuova linea politica mira a lanciare entro 3 anni un mercato nazionale per il commercio di tali diritti.
Il Premier ha, inoltre, promesso di introdurre sanzioni severe per gli operatori più inquinanti, tra cui centrali a carbone, industrie pesanti e veicoli ad alta emissione, nonché per i funzionari che fino ad ora non hanno punito propriamente le violazioni.
Sono alte le aspettative in capo al nuovo Primo Ministro. Tuttavia sarà difficile conciliare gli obiettivi di crescita economica con la lotta all’inquinamento. Pechino si trova ora di fronte alla sfida di un giusto equilibrio tra sviluppo economico e tutela dell’ambiente.

Lorenzo Riccardi – Dottore commercialista, Shanghai
lr@rsa-tax.com – RsA Asia

Lorenzo Riccardi

Informazioni su Lorenzo Riccardi

Insegna fiscalità asiatica presso Shanghai Jiao Tong ed è Adjunct Associate Professor alla Xian Jiao Tong Liverpool University. Si è specializzato in fiscalità internazionale all'IBFD di Kuala Lumpur e nel 2016 ha conseguito una borsa di studio per un progetto di dottorato di ricerca sulle economie del Far East presso Shanghai University. E’ segretario dell’Associazione degli Accademici italiani in Cina ed e’ stato ammesso come International Associate dell’American CPA Association, membro di Australia CPA, dell'Ordine dei Dottori Commercialisti, del Registro dei Revisori in Italia e International Affiliate dell’Hong Kong Institute of CPAs. Vive e lavora a Shanghai, dove si occupa di diritto commerciale e tributario, seguendo gli investimenti stranieri in Cina e Sud Est Asiatico. Ha ricoperto ruoli nella governance di istituzioni e gruppi societari, tra cui Giorgio Armani, Trussardi e Pomellato. E' socio dello Studio di consulenza RsA (www.rsa-tax.com), specializzato in Asia e paesi emergenti e ha ricoperto ruolo di Board Director della Camera di Commercio Italia-Vietnam, della Camera Italiana in Cina e di Chief Representative di Unimpresa a Shanghai. Ha pubblicato per Il Sole 24Ore Guida alla fiscalità di Cina, India e Vietnam, per Maggioli Editore cura le guide dei paesi dell’Asia Orientale e per Wolters Kluver è il responsabile della banca dati Asia. E’ membro del comitato scientifico di Corriere Asia e Fiscalità Estera. Per l’editore Springer cura una collana di testi su temi in ambito contabile e fiscale legati alla Cina e i suoi testi sono stati pubblicati in lingua italiana, cinese, portoghese ed inglese. Contatti: Website / LinkedIn

1 commento

  1. […] La foto in testa al post è tratta da: corriereasia.com […]



Lascia un commento





Asia Digest
Ricevi aggiornamenti a cura dei Blogger di Corriere Asia

OK Proviamo ;) 
Combattiamo lo Spam - 100% Spam Free
close-link