Nuovi contratti militari con la Russia.

26 Aprile 2006

PECHINO: il Ministro della Difesa della Federazione Russa, Sergei Ivanov, ha riaffermato che la Repubblica Popolare Cinese rimane un patner privilegiato e strategico soprattutto nel settore militare.

Il Ministro, al momento in visita nel Paese di Mezzo, ha voluto sottolineare come le dispute territoriali che sul finire degli anni ’60 portarono agli scontri sul Fiume Ussuri, siano definitivamente risolte e non presentino più motivo di attrito tra i due paesi, e come al contrario i due paesi siano impegnati in sforzi comuni per incrementare sempre di più le loro relazioni.

‘Credo che le relazioni tra Cina e Russia siano strategiche’, ha dichiarato Ivanov.

La cooperazione tecnologica militare tra i due stati ha raggiunto i 2 miliardi di dollari l’anno. Pechino inoltre rimane il primo acquirente di armi russe, come dimostra l’acquisto dell’S-300PMU1, ultimo sistema missilistico di difesa area (SA-10 Grumble, secondo la denominazione NATO), versione anti-balistico più avanzato precedente S-300PMU, con capacità di contro obiettivi aerodinamici pari a 3 kilometri al secondo.

Sono stati inoltre acquistati aerei da combattimento e da trasporto, torpediniere, sottomarini e una serie di sistemi radar.

Il Ministro della Difesa ha però voluto sottolineare come la cooperazione miliare prosegua anche in altri settori, come dimostra l’addestramento congiunto di 500 militari cinesi con i loro colleghi russi.

Il primo esercizio di operazioni militari congiunto si è tenuto lo scorso agosto nei pressi del porto di Vladivastock per otto giorni, e ha visto l’impiego di oltre 10.000 uomini con l’utilizzo di mezzi di terra, aria e mare, in un vero e proprio ‘War-Game’, che ha destato molto interesse in Occidente.

Cina e Russia proseguono poi una cooperazione militare all’interno dell’Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai (SCO), che racchiude oltre ai due grandi le cinque ex Repubbliche Sovietiche.

Ivanov ha concluso ribadendo come i Ministri della Difesa della SCO, abbiano deciso di tenere operazioni congiunte nel 2007.

Marianna Sacchini

Lascia un commento