Shanghai, chiusa mostra su arte “pornografica”

25 Maggio 2006

SHANGHAI: Le autorità di Shanghai hanno ordinato la chiusura di una mostra di circa 40 artisti cinesi accusati di esporre immagini "pornografiche" e altre opere considerate "offensive".Per la seconda volta in sette mesi, una mostra in Cina cade sotto i colpi della censura.

Le autorità hanno più volte dichiarato di avere intenzione di costruire un centro culturale come parte dell’obiettivo della municipalità di Shanghai di diventare una "città internazionale". Tuttavia, sostengono gli artisti, i severi controlli del Governo stanno rendendo difficile la libera espressione artistica.

La mostra, che originariamente doveva durare 5 giorni, aveva ricevuto l’approvazione delle autorità, ma forse i funzionari del Governo non avevano visionato tutte le opere.

L’expo era stata organizzata da BizArt, un gruppo non-profit che spesso ospita mostre e altre attività artistico-culturali.

In ottobre, una mostra presso il museo Zendai era stata chiusa per l’esposizione di un ritratto di una figura storica, Qin Hui (colui che tradì il patriota Yue Fei durante la dinastia Song) perché ritenuto "offensivo" per il governo.

Ylenia Rosati

Lascia un commento





Asia Digest
Ricevi aggiornamenti a cura dei Blogger di Corriere Asia

OK Proviamo ;) 
Combattiamo lo Spam - 100% Spam Free
close-link