bandiera india

La Bandiera dell’India

Bandiera dell'India bandiera indiana

La bandiera del partito nazionalista indiano del Congresso venne usata come base della bandiera nazionale nel 1947. Il disegno fu influenzato dal tricolore francese; i colori sono simbolici: zafferano per il coraggio e il sacrificio; bianco per la verità e la pace; verde per la fede e la lealtà. Il motivo dell’ arcolaio sulla bandiera del Congresso fu sostituita da un chakra (la ruota buddhista) blu. Il chakra deriva dallo stemma nazionale indiano, che rappresenta quattro leoni, posti su un piedistallo con quattro ruote, ognuno dei quali rivolto verso un punto cardinale. Lo stemma ricorda il capitello di una colonna eretta da Ashoka, il primo imperatore buddhista, nella città sacra di Sarnath nel III secolo a. C.

Significato dei colori

Nella bandiera nazionale dell’India la fascia superiore è di colore Zafferano, a indicare la forza e il coraggio del Paese. La banda centrale Bianca indica pace e verità con Dharma Chakra. L’ultima fascia è di colore Verde e mostra la fertilità, la crescita e il buon auspicio della terra. Questo Dharma Chakra raffigurava la “ruota della legge” nella capitale del leone di Sarnath, realizzata dall’imperatore Mauryan Ashoka del III secolo aC. Il chakra intende mostrare che c’è vita in movimento e morte in stagnazione.

Storia della bandiera indiana

la prima bandiera nazionale indiana
Prima versione
Si dice che la prima bandiera nazionale in India sia stata issata il 7 agosto 1906, nella piazza Parsee Bagan (Green Park) a Calcutta, ora Kolkata. La bandiera era composta da tre strisce orizzontali di rosso, giallo e verde.




Seconda versione
La seconda bandiera fu issata a Parigi da Madame Cama e dalla sua banda di rivoluzionari esiliati nel 1907 (secondo alcuni negli anni Ottanta). Questo era molto simile alla prima bandiera, tranne per il fatto che la striscia superiore aveva solo un loto ma sette stelle che denotavano il Saptarishi. Questa bandiera è stata esposta anche a una conferenza socialista a Berlino
Terza versione
La terza bandiera si alzò nel 1917, quando la nostra lotta politica aveva preso una svolta definitiva. La dottoressa Annie Besant e Lokmanya Tilak l’hanno issata durante il movimento del governo nazionale. Questa bandiera aveva cinque strisce orizzontali rosse e quattro verdi disposte alternativamente, con sette stelle nella configurazione saptarishi sovrapposte su di esse. Nell’angolo in alto a sinistra (l’estremità del palo) c’era la Union Jack. C’era anche una mezzaluna bianca e una stella in un angolo.
Quarta versione
Durante la sessione dell’All India Congress Committee che si riunì a Bezwada nel 1921 (ora Vijayawada) un giovane dell’Andhra preparò una bandiera e la portò a Gandhiji. Era composto da due colori, rosso e verde, che rappresentavano le due principali comunità, ovvero indù e musulmani. Gandhi suggerì l’aggiunta di una striscia bianca per rappresentare le restanti comunità dell’India e il filatoio per simboleggiare il progresso della Nazione.

Foto e sfondi bandiera indiana

Quinta versione
L’anno 1931 è stato un punto di riferimento nella storia della bandiera. È stata approvata una risoluzione che adotta una bandiera tricolore come nostra bandiera nazionale. Questa bandiera, l’antenata di quella attuale, era color zafferano, bianca e verde con al centro il filatoio del Mahatma Gandhi. È stato tuttavia affermato chiaramente che non aveva alcun significato comune e doveva essere interpretato in questo modo.
Versione definitiva
Il 22 luglio 1947, l’Assemblea Costituente la adottò come Bandiera Nazionale dell’India Libera. Dopo l’avvento dell’Indipendenza, i colori e il loro significato rimasero gli stessi. Solo il Dharma Charkha dell’Imperatore Asoka fu adottato al posto della ruota che gira come emblema sulla bandiera. Così, la bandiera tricolore del Partito del Congresso alla fine divenne la bandiera tricolore dell’India indipendente.

Video la vera storia della bandiera indiana

Torna su