Kyuuri to Wakame no Sunomono, uno snack con cetrioli e alghe all’aceto

a cura di: Daniele Bevivino

Archiviato in: in
kyuuri-wakame-sunomono

La ricetta di questa settimana è molto semplice e può accompagnare ogni ricetta pubblicata fin qui, sia come snack che come vero e proprio contorno, fermo restando quanto scritto nell’articolo precedente, ossia che non è necessario dare una scaletta precisa alle varie portate. Prima di passare alla ricetta, però vorremmo presentarvi una nuova piccola modifica che abbiamo deciso di inserire nei nostri articoli:
Da questa settimana in poi aggiungeremo alle ricette (presenti, passate e future!) delle icone che serviranno ad identificare meglio il tipo di cibo trattato venendo incontro alle esigenze di chi segue diversi tipi di dieta che includono o meno alcuni tipi di alimenti.

Nello specifico si tratterà di tre immagini che rimandano a tre tipologie di ricette:

– per i vegetariani (quindi senza carne o pesce ma eventualmente con latte, uova e/o derivati di questi alimenti) contrassegnate dall’icona “a forma di uovo”.
vegetarian.jpg
– per i vegan (per chi segue una dieta dove nessun derivato di origine animale è ammesso, neanche le uova, il miele o il latte) contrassegnata dall’icona con il “pallino verde” che riassume graficamente tutti gli alimenti strettamente vegetali.
vegan.jpg
– per chi mangia carne e pesce (o altri alimenti/animali, quali ad esempio i molluschi) contrassegnata dall’icona con il pallino “a forma di naso di porcellino”.
carne%20e%20pesce.jpg
Speriamo in questo modo di favorire soprattutto chi ha la necessità di individuare da subito la ricetta adatta alla sua dieta specifica, allargando quindi la fruibilità del blog anche a chi dovesse avere poca familiarità con la cucina giapponese e con la sua varietà di ricette.

C’è da dire, ad onor del vero, che le ricette tradizionali cucinate nei ristoranti in Giappone o anche preconfezionate presentano il più delle volte, anche quando l’alimento di base non è né il pesce o la carne, tracce di estratti o grassi animali, prevalentemente in polvere e poi disciolti nei condimenti, che servono come il nostro dado per il brodo ad arricchire i sapori.
Anche quando se ne potrebbe oggettivamente fare a meno, è quasi sempre presente una minima traccia di provenienza animale nei cibi. In Giappone il largo e diffuso utilizzo di questi estratti, comunemente detti Dashi o Ekisu, preclude ai vegetariani e ai vegani anche la possibilità di mangiare molte ricette a base di pasta, brodo e verdure.

Nelle ricette di cucina giapponese del nostro blog cercheremo per quanto possibile di fare a meno del “non troppo fondamentale” Dashi di origine animale, sopperendo alla sua mancanza quando non se ne potrà proprio fare a meno con il Konbu Dashi, estratto in polvere delle alghe Konbu (e se sarà al tempo stesso reperibile nei negozi italiani!).

Per il resto senza ingenerare polemiche o dibattiti di nessun tipo, preferiamo dare una “vetrina” della cucina giapponese a 360°, cercando di curare la frequenza delle ricette anche dal punto di vista di un’equa alternanza tra ricette a base animale e non.
Speriamo quindi che le nuove icone vi facciano piacere! Noi ne siamo molto felici!
Ed ora, la ricetta della settimana: Wakame to Kyuuri no Sunomono (alghe e cetrioli all’aceto di riso)

Wakame to Kyuuri no Sunomono
vegan.jpg
Ingredienti per due porzioni:

1 cetriolo
2 cucchiai di alghe wakame essiccate
3 cucchiai di shoyu
3 cucchiai di komezu (aceto di riso)
un pizzico di sale
un pizzico di zucchero

Preparazione:

In una ciotola piena d’acqua porre due cucchiai di alghe Wakame disidratate. Non fatevi ingannare dalle dimensioni! Questi pezzettini di alga a contatto con l’acqua recupereranno la loro forma originale, come potete vedere dalle foto del “prima” e “dopo” in questo articolo! Le alghe dovranno rimanere a mollo per circa 10 minuti.
wakame1_ridimensionare.jpg
Nel frattempo, tagliare via la parte esterna di un cetriolo nel senso della sua lunghezza, da una estremità all’altra, lasciando però degli angoli verdi intatti. Il cetriolo assumerà quindi una forma meno cilindrica e piuttosto irregolare (tipo esagonale ad esempio) con striature di verde sugli per tutta la lunghezza. Queste parti più verdi e più dure serviranno a mantenere le fettine del cetriolo più croccanti. Tagliarlo quindi in fettine molto fine.

Mettere le fettine di cetriolo in un’altra ciotola con acqua e sale.
kyuuri_ridimensionare.jpg

Passati i dieci minuti dall’inizio della preparazione delle alghe, porre un pentolino sul fuoco e lasciar bollire l’acqua. A bollitura, mettere le alghe che saranno ormai tornate alla loro forma naturale nel pentolino con l’acqua bollente per circa un minuto. Scolare l’acqua e poi porre di nuovo le alghe a raffreddare in una ciotola con acqua fredda.

wakame4_ridimensionare.jpg

wakame2_ridimensionare.jpg
Scolare dall’acqua sia il cetriolo che le alghe e asciugarle tamponando con la carta cucina.
kyuuri2_ridimensionare.jpg
wakame3_ridimensionare.jpg
In una ciotola mischiare tre cucchiai di Shoyu, tre di aceto di riso, un pizzico di sale e un pizzico di zucchero. Come sempre fare attenzione a far sciogliere sia il sale che lo zucchero.

Mischiare tra loro le fettine di cetriolo e le alghe. Porle quindi sul piattino con il quale verranno servite e versare sul tutto la salsa appena preparata.
kmain_ridimensionare.jpg
kyuuri4_ridimensionare.jpg

Per aiutarvi con l’acquisto degli ingredienti, questa volta pubblichiamo la foto di un aceto di riso, Komezu in lingua giapponese, che abbiamo trovato in un market coreano a Roma. Chiaramente ogni altro tipo di aceto di riso, coreano, cinese o giapponese che sia, sarà adatto a questa ricetta. Noi questa volta abbiamo trovato questo!
acetok_ridimensionare.jpg

Per finire, sempre nell’ottica di un blog di ricette in continua evoluzione, vi segnaliamo la preparazione di alcune schede speciali che serviranno ad offrire ai lettori diversi link o risorse per meglio orientarsi nel mondo della cucina giapponese. A questo proposito ogni suggerimento o richiesta è ora più che mai gradita e necessaria. Lasciate nei vostri commenti anche i vostri desideri su come vedete l’evoluzione del blog e dei suoi contenuti!

Alla prossima!

Tag:

  • alghe
  • dashi
  • ekisu
  • kome
  • komezu
  • konbu
  • konbu dashi
  • kyuuri
  • riso
  • shoyu
  • sunomono
  • wakame

 

Daniele Bevivino

Daniele Bevivino

Classe 1974, dopo diversi viaggi e brevi permanenze vive in Giappone dal 2008, dove ha prima gestito il negozio online Hamakura trattando articoli della tradizione giapponese e poi un negozio di antiquariato occidentale. Collabora dal 2006 con il CorriereAsia dove inizialmente ha curato insieme a sua moglie Yumie, cuoca e insegnante di cucina, numerosi articoli di cucina giapponese da realizzare facilmente con gli ingredienti a disposizione anche fuori dal Giappone. Per molti anni ha scritto sul web a proposito di arti marziali giapponesi e argomenti correlati collaborando con diversi siti specializzati.

Siamo a lavoro sul nuovo Corriere Asia!

Ricevi una notifica quando sarà Online
Ok voglio ricevere la notifica :) 
close-link