Negozi spezie indiane a Milano: Krishna Indian Bazar

a cura di: Chiara Bellasio

bazar

Qualche tempo fa mi è stato chiesto dove trovare spezie e altri ingredienti come lo zucchero di palma o l’assafetida a Milano, e così dopo aver fatto qualche ricerca mi sono recata nel negozio Krishna India Bazar. E non ne sono stata affatto delusa, ho avuto l’impressione di un posto piuttosto fornito, e per rispondere alla domanda ho trovato sia lo zucchero di palma che l’assafetida.

 

 

rajesh.jpg

 

Ho trovato ad accogliermi il proprietario, Rajesh Kapoor, originario del Nord dell’India, che ha aperto il negozio nel 2002 dopo aver maturato un’esperienza come cuoco in alcuni ristoranti milanesi di cucina indiana. Il locale è luminoso e come ogni bazar che si rispetti è caoticamente stipato non solo di numerosi generi alimentari ma anche di oggetti di vario tipo: statuine di Shiva e Ganesh, calzature indiane dai colori vivaci, sciarpine arricchite di specchi, braccialetti e monili. Appesi al muro ci sono dei tessuti e una cartina dell’India.

cartina.jpg

Ma se sulle prime queste sono le cose che hanno attirato la mia attenzione, in seguito mi sono soffermata più attentamente sui vari scaffali, dove era innanzitutto presente una vasta gamma di spezie e oltre a quelle più comuni come per esempio cumino e coriandolo ho notato anche la presenza di cardamomo nero, assafetida e di un particolare sale nero proveniente dall’India kala namak. Notevole anche la scelta di legumi: i pacchetti di urid dal, toor dal, fagioli mung, e moong, e di lenticchie rosse accostati gli uni accanto agli altri producono un bellissimo effetto cromatico virando dal bianco, al giallo, a varie tonalità di verde. Tra i prodotti pronti al consumo ci sono anche dei gulab jamun e i cham-cham, specialità dolci rispettivamente del Nord e del” Est dell’India.

chiamchiam.jpg

Ho notato anche una piccola selezione di chutney e pickle ma sapete che questo tipo di prodotto preferisco sia homemade.

mangobazar.jpg

Pochi purtroppo i prodotti freschi, oggi almeno c’erano solo i cetrioli amari e l’okra; quest’ultima attira anche dei clienti africani. Rajesh Kapoor mi ha detto di avere una clientela decisamente varia che comprende oltre a indiani, srilankesi e naturalmente italiani, anche dei sudamericani e appunto qualche africano. Spero di avervi suggerito un indirizzo utile, io sono lieta di aver scoperto questo posto e penso che ci tornerò sicuramente.

Krishna India Bazar
via Panfilo Castaldi 35 (ang. via Tadino)
Milano
Metro: Porta Venezia

Chiara Bellasio

Chiara Bellasio

Chiara Bellasio è comasca, food blogger, laureata in comunicazione con una tesi sul gastronomo dallo spirito pungente Grimo de la Reinier e vive a Parigi. Ora si occupa di fotografia, stilismo culinario e dello sviluppo di ricette per riviste.