Il crollo delle borse e l’influenza della Cina sui mercati globali

a cura di: Lorenzo Riccardi

Archiviato in: in ,
borsa cina hong kong listini mercati

Lunedì 24 Agosto l’indice del mercato borsistico di Shanghai ha registrato un crollo record: -8,5%, la peggiore perdita mai registrata in un solo giorno da febbraio 2007. La notizia si ripercuote sui mercati mondiali e su tutta l’area asiatica, dopo che il crollo delle borse cinesi delle settimane precedenti aveva già scatenato una corsa alle vendite a livello mondiale. Il lunedì successivo, i mercati di tutto il mondo cedono valore: in Asia i mercati principali chiudono in forte perdita (-4.6% il Nikkei 225 di Tokio, -5.2% l’Hang Seng di Hong-Kong, in perdita anche Taiwan e Australia, dove l’indice principale chiude a -4.1%), mentre l’apertura in Europa e negli Stati Uniti è ovunque in calo.

Il trend negativo dello Shanghai index prosegue ormai da giugno. In Cina il prezzo delle azioni continua la propria decrescita, con una perdita stimata complessiva nel mercato dell’equity pari a 5 trilioni di dollari. Tutto ciò è stato affiancato da una serie di misure adottate dal governo con lo scopo di bloccare l’emorragia finanziaria causata dei listini locali. La banca centrale cinese ha tagliato dello 0,25% i tassi di interesse a un anno sui prestiti e sui depositi, portandoli rispettivamente al 4,6% e all’1,75%

Nel solo mese di giugno vi è stato un calo del prezzo delle azioni del 40%, la più grande caduta dalla bolla de titoli high-teck con il timore di una possibile espansione globale di tale crisi.

L’enorme crescita del mercato cinese (+150% per l’indice di Shanghai tra giugno 2014 e giugno 2015) riconducibile anche al fatto che innumerevoli piccoli investitori hanno investito in borsa, spinti dal desiderio di facili guadagni ha raggiunto un punto di rottura. Normale che dopo aver superato valori di capitalizzazione non più giustificabili, la bolla doveva prima o poi scoppiare. Ed è ciò che è successo. Il tutto in un’economia in rallentamento e con una moneta non ancora internazionale.

Le azioni del governo in tale contesto sono state le ragioni principali dei vari recuperi di valore. Vi è da sottolineare che il governo non ha intenzione di lasciare le redini del mercato, ma punta a migliorare in termini di efficienza le partecipazioni che controlla, senza esporle alla competizione globale. Tra gli obiettivi vi è sicuramente dare maggiore libertà allo yuan: la svalutazione del CNY rappresenta perciò un modo per ridare alle merci cinesi parte di quella competitività perduta, aiutando inoltre il settore manifatturiero a non perdere ulteriori standard di volume e posti di lavoro. Tuttavia, per valutare un’efficacia della manovra si dovranno attendere ulteriori svalutazioni nel breve-medio termine.

Nell’economia globale, la Cina sta trainando al ribasso i mercati emergenti, come Brasile e Indonesia, i cui sono strettamente legate all’andamento dellecommodity del ferro, oro, carbone.

Il cattivo andamento delle Borse asiatiche si riflette anche sull’andamento dei mercati europei, che hanno registrato insieme agli Stati Uniti una serie di chiusure in perdita e una generale flessione.

La Cina ha dimostrato quanto puo’ influenzare i mercati globali, sia trainando la crescita che aumentando i timori sull’andamento dei titoli azionari in tutto il mondo.

Lorenzo Riccardi

Lorenzo Riccardi

Insegna fiscalità asiatica presso Shanghai Jiao Tong ed è Adjunct Associate Professor alla Xian Jiao Tong Liverpool University. Si è specializzato in fiscalità internazionale all'IBFD di Kuala Lumpur e nel 2016 ha conseguito una borsa di studio per un progetto di dottorato di ricerca sulle economie del Far East presso Shanghai University. E’ segretario dell’Associazione degli Accademici italiani in Cina ed e’ stato ammesso come International Associate dell’American CPA Association, membro di Australia CPA, dell'Ordine dei Dottori Commercialisti, del Registro dei Revisori in Italia e International Affiliate dell’Hong Kong Institute of CPAs. Vive e lavora a Shanghai, dove si occupa di diritto commerciale e tributario, seguendo gli investimenti stranieri in Cina e Sud Est Asiatico. Ha ricoperto ruoli nella governance di istituzioni e gruppi societari, tra cui Giorgio Armani, Trussardi e Pomellato. E' socio dello Studio di consulenza RsA (www.rsa-tax.com), specializzato in Asia e paesi emergenti e ha ricoperto ruolo di Board Director della Camera di Commercio Italia-Vietnam, della Camera Italiana in Cina e di Chief Representative di Unimpresa a Shanghai. Ha pubblicato per Il Sole 24Ore Guida alla fiscalità di Cina, India e Vietnam, per Maggioli Editore cura le guide dei paesi dell’Asia Orientale e per Wolters Kluver è il responsabile della banca dati Asia. E’ membro del comitato scientifico di Corriere Asia e Fiscalità Estera. Per l’editore Springer cura una collana di testi su temi in ambito contabile e fiscale legati alla Cina e i suoi testi sono stati pubblicati in lingua italiana, cinese, portoghese ed inglese. Contatti: Website / LinkedIn

Siamo a lavoro sul nuovo Corriere Asia!

Ricevi una notifica quando sarà Online
Ok voglio ricevere la notifica :) 
close-link