Accordo Lenovo-Microsoft: segno distensione nella disputa commerciale Usa-Cina

a cura di:

Archiviato in: in
19 Aprile 2006

HONG KONG: Pechino ha trovato un mezzo per deviare il ciclo di discussioni e critiche dell’America circa il suo enorme surplus commerciale e la questione della pirateria, attraverso un accordo del valore di 1.2 miliardi di dollari tra il suo più grande produttore di personal computer, Lenovo, e il Gigante del software Microsoft.

L’accordo è stato firmato presso il quartier generale della Microsoft alla vigilia dell’arrivo di Hu Jintao negli Usa, per una visita che prevede un summit con il presidente americano George W.Bush domani alla Casa Bianca.

Il deficit commerciale con l’America ha toccato quota 202 miliardi di dollari lo scorso anno e probabilmente sarà l’argomento principale delle discussioni nei prossimi giorni con Hu.

Rivolgendosi ai reporter a Seattle, ieri l’ambasciatore cinese Zhou Wendong ha riferito che il presidente avrebbe annunciato altre buone notizie.

Hu Jintao ha lasciato ieri Pechino a capo di una delegazione che vede tra i suoi membri il consigliere di Stato Tang Jiaxuan, il ministro degli Esteri Li Zhaoxing, il ministro del Commercio Bo Xilai e il ministro della Commissione nazionale per lo sviluppo e riforma Ma Kai. Il presidente è inoltre accompagnato dalla moglie, LiuYongqing.

La scorsa settimana, una delegazione di businessman guidata dal vice premier Wu Yi aveva già annunciato l’acquisto di 16 miliardi di beni americani.

In base all’accordo firmato lunedì, Lenovo, che due anni fa aveva acquistato la divisione Pc del Gigante americano IBM, comprerà entro i prossimi 12 mesi il software Microsoft Windows per il valore di 1.2 miliardi di dollari.

Bill Gates ha definito l’accordo"una pietra miliare nella relazione della società con Lenovo", mentre il presidente della Lenovo, Yang Yuanqing ha salutato l’accordo come "il maggiore mai realizzato sulla proprietà intellettuale nel corso della visita del presidente cinese in America."

L’accordo tra Lenovo, terzo maggiore produttore mondiale di Pc, e la Microsoft non è che l’estensione di un progetto pilota iniziato lo scorso novembre, quando Lenovo divenne il primo produttore di Pc cinese a pre-installare software Micrsoft Windows nei suoi prodotti. Infatti, il 70% dei Pc che Lenovo vende attualmente in Cina possiedono un software Windows autorizzato, il 10% in più rispetto a sei mesi fa.

Ylenia Rosati

Siamo a lavoro sul nuovo Corriere Asia!

Ricevi una notifica quando sarà Online
Ok voglio ricevere la notifica :) 
close-link