Banca del Giappone adotta politica monetaria più restrittiva

a cura di:

Archiviato in
10 Marzo 2006

La Banca del Giappone (BoJ) ha deciso di interrompere la sua politica accomodante sui tassi, in vigore ormai da diversi anni. La decisione è stata presa sulla spinta dei dati della settimana scorsa – dopo due giorni di riunione del comitato per la politica monetaria – che mostravano una ripresa dell’inflazione nel Paese (dallo zero al 2 per cento), per combattere la quale la BoJ intende adottare la politica dei "tassi zero". Per prima cosa la BoJ ridurrà la quantità di liquidità che fornisce alle banche commerciali, nel frattempo continuerà ad acquistare mensilmente 1.200 miliardi di yen di buoni del Tesoro giapponese. Si tratta comunque del primo passo nella direzione di una politica monetaria più restrittiva. Nei giorni scorsi era stato proprio il primo ministro Junichiro Koizumi ad auspicare da parte della banca centrale un atteggiamento prudente all’ atto di decidere di mettere da parte la politica di tassi prossimi allo zero.

Condividi
Condividi
+1
Tweet