Banca della Cina: espulsi per corruzione 75 funzionari bancari

12 Aprile 2006

PECHINO: La Banca della Cina ancora colpita dagli scandali di corruzione. 75 funzionari bancari sono stati espulsi dagli incarichi con l’accusa di corruzione.

L’operazione di investigazione sul caso è iniziata l’anno scorso, dopo che dalle istituzioni giudiziarie furono scoperti 52 casi di corruzione, di cui non è mai stato dichiarato l’ammontare del danaro.

Negli ultimi anni, gli scandali legati alla corruzione hanno arrecato danno alla reputazione della banca.

Il primo grande scandalo risale al dicembre 2003, quando il presidente Wang Xuebing fu condannato a dodici anni di galera per aver accettato tangenti per oltre un miliardo di rmb. Il luglio dell’anno successivo fece seguito la condanna all’ergastolo del vice presidente della banca Zhao Ange, per essersi appropriato di compensi illeciti per 5 miliardi e 80 milioni di rmb. L’agosto scorso ancora un caso di corruzione per la Banca della Cina, questa volta per il presidente della branch di Hong Kong, Liu Jinbao, tutt’oggi con una condanna alla pena capitale in sospeso.

Non è solo la Banca della Cina ad essere stata colpita dagli scandali di corruzione. Secondo le notizie rilasciate dalla stampa ufficiale, lo scorso anno sono stati colpiti 799 funzionari fra le maggiori banche del paese.

Melinda Brindicci