Bruxelles progetta nuovi dazi per calzature Cina e Vietnam

27 Luglio 2006

La commissione europea ha proposto un nuovo piano di misure anti-dumping contro le calzature in pelle provenienti da Cina e Vietnam, dopo che la sua prima proposta è stata rifiutata dagli stati membri dell’Ue, tra cui l’Italia che l’ha definita "troppo leggera" e dagli stati nordici che sostengono al contrario che non ci sia bisogno di alcuna misura protezionistica. La Commissione ha proposto tariffe ‘punitive’ del 10% per le calzature di pelle dal Vietnam e del 16.5% nel caso della Cina, da applicarsi per la durata di 5 anni. Le tariffe proposte dalla Commissione sono inferiori a quelle introdotte quest’anno, del 16.8 e del 19.4%, rispettivamente per Vietnam e Cina.

0/5 (0 Reviews)

ti è piaciuto questo contenuto?

esprimi il tuo giudizio

0/5 (0 Reviews)