Calzature: continua invasione prodotti cinesi

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su email
16 Marzo 2006

Il saldo della bilancia commerciale del settore calzaturiero, per i primi 11 mesi del 2005, è in attivo per oltre 3 miliardi di euro, ma le esportazioni si sono ridotte dell’11,5% in quantità, a fronte di un incremento delle importazioni del 6,1%, causa invasione dei prodotti cinesi. Perciò, l’associazione di categoria Anci torna a chiedere all’Ue l’adozione di misure antidumping e l’obbligo dell’etichettatura di origine come mezzi di difesa dal comportamento commerciale di Cina e Vietnam. Le scarpe cinesi spiazzano la concorrenza europea, ma i prezzi non sono convenienti nemmeno per i consumatori. Dalla soppressione delle quote, le importazioni dalla Cina alla Ue è aumentato del 300% in quantità. I dati Istat evidenziano, per l’Italia, un incremento di scarpe provenienti dalla Cina del 27% nei primi 11 mesi del 2005.

0/5 (0 Reviews)