Campagna per sdradicare le “cattive abitudini”del popolo cinese

a cura di:

Archiviato in
2 Marzo 2006

Pechino: Pechino sta rilanciando la sua campagna annuale per combattere le "cattive abitudini" dei cinesi, in particolare "sputare" e "gettare rifiuti"in aree pubbliche, tutto ciò soprattutto in visione delle Olimpiadi del 2008. Zhang Huiguang — direttrice dell’Ufficio dello sviluppo etico di Pechino — ha riferito che quest’anno verranno aumentate le multe contro queste abitudini "incivili". Il Governo aveva già introdotto nel 1993 una legge che vietava di"sputare in pubblico e gettare rifiuti", con una multa che si aggirava intorno ai 50 yuan (5 euro), tuttavia questa serie di campagne annuali rilanciate periodicamente si sono rivelate solo un buco nell’acqua. "Avevamo anche provveduto a tappezzare le strade principali con avvisi e cartelli e fornivamo piccole"bustine" nei luoghi pubblici quali autubus, taxi e metropolitane, ma non è servito a nulla", sottolinea Zhang che prosegue "quest’anno metteremo in atto una campagna di sensibilizzazione attraverso l’ausilio di media ed sms per insegnare ai cinesi "il modo corretto e civile di sputare". Le autorità locali hanno anche detto che si impegneranno a educare centinaia di migliaia di migranti provenienti dalle campagne. Quest’ultimi, infatti, non hanno possibilità di accedere alle fonti mediatiche per migliorare le loro cattive abitudini.