Chiusura d’anno e Audit Report in Cina

a cura di: Lorenzo Riccardi

Archiviato in: in
Screen Shot 2014-03-13 at 1.25.53 AM

A tutte le società con capitale straniero (Wholly-Foreign Owned Enterprise, Jont Venture e Foreign-Invested Commercial Enterprises) operanti in Cina è richiesto di affidarsi ad un Chartered Public Accounting (CPA) esterno per certificare il bilancio annuale della società.

L’obiettivo della revisione legale è da una parte quello di certificare che il bilancio della società conforme agli standard contabili e finanziari cinesi, dall’ altro che le singole voci di bilancio siano state calcolate facendo  un uso corretto dei principi contabili locali.

I requisiti per gli Audit Report in Cina variano in base alla zona in cui ha sede la società.

Solitamente le società di revisione legale cominciano a preparare l’ Annual Audit Report a gennaio, subito dopo che le società hanno chiuso l’anno contabile, e le procedure di verifica durano circa due mesi.

Tra queste le procedure essenziali riguardano:

·       i conti monetari (la verifica di cassa e l’analisi degli eventuali “sospesi”),

·       i conti bancari e postali (le richieste di conferma dei conti correnti, la verifica delle riconciliazioni, la verifica dei contratti, i controlli sui movimenti tra conti correnti),

·        entrambe le classi (le verifiche di cut-off, il controllo sulla conversione dei conti in valuta, i controlli sull’epilogo dei conti e sull’informativa di bilancio)

L’Audit Report deve essere completato anticipatamente alla liquidazione annuale di imposta che ha scadenza il 31 Maggio.  A tutte le società con capitale straniero (Wholly-Foreign Owned Enterprise, Jont Venture e Foreign-Invested Commercial Enterprises) operanti in Cina è richiesto di affidarsi ad un Chartered Public Accounting (CPA) esterno per certificare il bilancio annuale della società.

L’obiettivo della revisione legale è da una parte quello di certificare che il bilancio della società conforme agli standard contabili e finanziari cinesi, dall’ altro che le singole voci di bilancio siano state calcolate facendo  un uso corretto dei principi contabili locali.

I requisiti per gli Audit Report in Cina variano in base alla zona in cui ha sede la società.

Solitamente le società di revisione legale cominciano a preparare l’ Annual Audit Report a gennaio, subito dopo che le società hanno chiuso l’anno contabile, e le procedure di verifica durano circa due mesi.

Tra queste le procedure essenziali riguardano:

·       i conti monetari (la verifica di cassa e l’analisi degli eventuali “sospesi”),

·       i conti bancari e postali (le richieste di conferma dei conti correnti, la verifica delle riconciliazioni, la verifica dei contratti, i controlli sui movimenti tra conti correnti),

·        entrambe le classi (le verifiche di cut-off, il controllo sulla conversione dei conti in valuta, i controlli sull’epilogo dei conti e sull’informativa di bilancio)

L’Audit Report deve essere completato anticipatamente alla liquidazione annuale di imposta che ha scadenza il 31 Maggio.  

 

Lorenzo Riccardi – Dottore commercialista, Shanghai
lr@rsa-tax.com – RsA Asia

 

Lorenzo Riccardi

Lorenzo Riccardi

Insegna fiscalità asiatica presso Shanghai Jiao Tong ed è Adjunct Associate Professor alla Xian Jiao Tong Liverpool University. Si è specializzato in fiscalità internazionale all'IBFD di Kuala Lumpur e nel 2016 ha conseguito una borsa di studio per un progetto di dottorato di ricerca sulle economie del Far East presso Shanghai University. E’ segretario dell’Associazione degli Accademici italiani in Cina ed e’ stato ammesso come International Associate dell’American CPA Association, membro di Australia CPA, dell'Ordine dei Dottori Commercialisti, del Registro dei Revisori in Italia e International Affiliate dell’Hong Kong Institute of CPAs. Vive e lavora a Shanghai, dove si occupa di diritto commerciale e tributario, seguendo gli investimenti stranieri in Cina e Sud Est Asiatico. Ha ricoperto ruoli nella governance di istituzioni e gruppi societari, tra cui Giorgio Armani, Trussardi e Pomellato. E' socio dello Studio di consulenza RsA (www.rsa-tax.com), specializzato in Asia e paesi emergenti e ha ricoperto ruolo di Board Director della Camera di Commercio Italia-Vietnam, della Camera Italiana in Cina e di Chief Representative di Unimpresa a Shanghai. Ha pubblicato per Il Sole 24Ore Guida alla fiscalità di Cina, India e Vietnam, per Maggioli Editore cura le guide dei paesi dell’Asia Orientale e per Wolters Kluver è il responsabile della banca dati Asia. E’ membro del comitato scientifico di Corriere Asia e Fiscalità Estera. Per l’editore Springer cura una collana di testi su temi in ambito contabile e fiscale legati alla Cina e i suoi testi sono stati pubblicati in lingua italiana, cinese, portoghese ed inglese. Contatti: Website / LinkedIn

Siamo a lavoro sul nuovo Corriere Asia!

Ricevi una notifica quando sarà Online
Ok voglio ricevere la notifica :) 
close-link