Cina acconsente a colloqui su tariffe componenti auto

a cura di:

Archiviato in: in
10 Aprile 2006

PECHINO: I funzionari cinesi hanno acconsentito a tenere dei colloqui con i rappresentanti dell’Ue e degli Usa, dopo aver accusato Pechino il 30 marzo di aver imposto le tariffe sulle importazioni di componenti di auto straniere, ha riferito oggi l’agenzia Bloomberg.

La decisione è giunta un giorno dopo la firma del vice premier Wu Yi di una serie di accordi per l’acquisto di beni del valore di 4.4 miliardi di dollari da parte delle compagnie americane, inclusi aerei, componenti auto e congegni elettronici, e prima della visita del presidente Hu Jinato in America, durante cui gli argomenti principali saranno il controllo della valuta ed il surplus commerciale.

America e Ue, che insieme hanno acquistato il 43% delle esportazioni dalla Cina nel 2005, sostengono che la decisione della Cina lo scorso anno di imporre delle tariffe sulle componenti auto, basate sul valore totale delle importazioni in un veicolo completo, è stata una violazione degli impegni del WTO.

Qualora le parti non raggiungessero un accordo per una soluzione entro 60 giorni, America e Ue chiederanno l’intervento del WTO.

Il mercato di auto cinese è attualmente il terzo più grande, dopo che la crescita economica del 9.5 % nei cinque anni scorsi ha incentivato i guadagni e le spese in auto e case. Il mercato cinese di componenti auto nel 2004 era pari a 19.1 miliardi di dollari, sostiene l’America. I dazi per le componenti auto corrispondenti al 60% o meno di un veicolo finito, arriverebbero fino ad un massimo del 14%, qualora invece il veicolo fosse costruito con più del 60% di componenti importate, verrebbe imposta una tariffa retroattiva pari al 28%, equivalente alla tariffa del veicolo completo.

I dazi, che non entreranno in vigore fino a luglio, derivano dalla violazione di uno degli obblighi della Cina nel 2001, circa la riduzione delle tariffe sulle componenti auto e l’annullamento dei regolamenti che costringono i produttori di auto a compare le componenti cinesi.

Ylenia Rosati

Siamo a lavoro sul nuovo Corriere Asia!

Ricevi una notifica quando sarà Online
Ok voglio ricevere la notifica :) 
close-link