Cina: congelati i conti nord-coreani presso banca di Macao

a cura di:

Archiviato in
24 Luglio 2006

SEUL: La Cina ha congelato i conti della Corea del Nord presso la filiale della Bank of China a Macao, dopo che il Governo americano lo scorso anno ha cercato di punire i contraffattori nord-coreani e le banche che li aiutavano, riferisce la Yonhap News Agency, secondo quanto avrebbe rivelato un membro dell’Amministrazione Bush al Partito dell’opposizione sud-coreano.

Park Jin ha visitato gli Stati Uniti a metà luglio, come speciale inviato del GNP (Grand National Party), il Partito d’opposizione sud-coreano, incontrandosi con i funzionari del Governo americano, incluso quello che gli ha rivelato il congelamento dei conti della Bank of China.

Il funzionario americano ha dichiarato che "la Corea del Nord si sente frustrata da ciò che è considerato come una virtuale sanzione finanziaria da parte della Cina".

Park è stato citato per aver dichiarato che la mossa sarebbe avvenuta quando il dipartimento del Tesoro americano lo scorso settembre ha definito un’altra istituzione finanziaria con sede a Macao, il Banco Delta Asia SARL, "un problema di primo piano per riciclaggio", vietando alle istituzioni finanziarie americane di avere a che fare con esso e spingendo il governo di Macao a congelare tutti i conti bancari legati alla Corea del Nord.

Pyongyang vede le azioni contro il Banco Delta Asia come una forma di "sanzione finanziaria" e si rifiuta di tornare ai colloqui dei 6 finché il Governo americano non sospenderà le restrizioni. Washington sostiene che le sanzioni finanziarie sono "questioni di rafforzamento legale" che non hanno a che fare con i colloqui tra le due Coree, gli Usa, la Cina, il Giappone e la Russia, in stallo dallo scorso novembre.

Gli Usa hanno dichiarato che il Banco Delta Asia avrebbe favorito finanziariamente le società nord-coreane e le agenzie governative coinvolte nel traffico di narcotici, contraffazione di valuta, produzione e distribuzione di sigarette contraffatte e farmaci.

"In un’operazione di verifica delle attività di contraffazione nord-coreane a settembre, chiamata ‘Smoking Dragon’, il dipartimento americano del Tesoro ha congelato i conti nord-coreani presso il Banco Delta Asia, e ha avviato delle verifiche riguardo la filiale della Bank of China a Macao", ha dichiarato Park spiegando che all’epoca non ci sarebbe stato nessun annuncio circa l’investigazione degli Usa sulla banca cinese per la "sensibilità diplomatica" della questione.

Ylenia Rosati

Condividi
Condividi
+1
Tweet