Cina: cresce la voglia di cioccolato! Trend positivo a Shanghai per l’agroalimentare italiano

a cura di:

Archiviato in: in
17 Dicembre 2008

SHANGHAI: L’Italia al primo posto come fornitore alla Cina per Cioccolato e Pasta

Nonostante i volumi ancora modesti, l’agroalimentare rappresenta uno dei settori più dinamici del Made in Italy in Cina ed e’ il comparto che ha confermato, anche nel primo semestre del 2008, un incoraggiante trend di crescita.

Il rapido sviluppo dell’economia cinese e il boom che caratterizza il settore turismo e ospitalità, anche in considerazione del successo delle recenti Olimpiadi di Pechino, hanno determinato una crescita del numero di produttori di vino e prodotti alimentari che vede nella Cina un mercato di notevole interesse, soprattutto in termini di crescita prospettica.

Nella classifica dei paesi esportatori di prodotti agroalimentari verso la Cina, l’Italia si e’ collocata nel 2007 al 27° posto, con un volume complessivo di circa 89 milioni di USD, in crescita del +30% rispetto al 2006.

Da segnalare in particolare la performance del cioccolato, per il quale l’Italia si colloca al primo posto tra i Paesi fornitori della Cina, con un volume export pari a 26 mln di US$ ed una crescita rispetto all’anno precedente del 26%. A seguire il vino con 20,4 mln di US$ (+68,3% rispetto al 2006 e 4° posto tra i fornitori), l’olio d’oliva con 9,6 mln di US$ (+14,6% e 2° fornitore), la pasta con 3,8 mln di US$ (+24,9 e 1° fornitore), il caffe’ con 2,6 mln di US$ (+41,1% e 4° fornitore), il formaggio con 1,6 mln di US$ (+58,2% e 6° fornitore),( fonte dati: Dogane Cinesi).

Nei primi 9 mesi del 2008 le esportazioni agroalimentari in Cina sono cresciute in modo sostenuto (+22%) con risultati eccellenti in alcuni comparti: olio d’oliva (+84%), caffe’ (+68%) e vino (47%).

Questi dati sono emersi a conclusione della 12^ edizione della Food and Hospitality China ( Shanghai 4-6 Dicembre 2008), principale manifestazione fieristica per il mercato cinese dedicata ai prodotti agroalimentari, vini e bevande. L’evento si è svolto presso lo SNIEC (Shanghai New International Exhibition Centre) di Pudong e ha visto la partecipazione di oltre 800 espositori provenienti da 40 Paesi.

La superficie totale espositiva della Food and Hospitality China e’ stata pari a 33.000 mq. Di questi, circa 1.100 sono stati occupati dal Padiglione Italiano, che ha ospitato 84 espositori, di cui 24 nell’ambito dell’area dedicata al programma di promozione "Sapori d’Italia" coordinato da ICE, Unioncamere e 14 nell’ambito dell’area dedicata alla Regione Lombardia. Da sottolineare anche la presenza di aziende selezionate dalla Regione Sardegna e dalla Regione Piemonte.

ICE ha organizzato diversi seminari-degustazione a cui hanno partecipato selezionati operatori cinesi dei principali comparti vinicolo e agroalimentare italiani e ha seguito la promozione di prodotti agroalimentari italiani in 15 punti vendita METRO di Shanghai e in altre importanti citta’ cinesi al fine di richiamare l’attenzione dei consumatori e degli operatori di settore sui prodotti alimentari nazionali.

Link Correlati

dalla nostra corrispondente Fabiana Podreider Lenzi

Siamo a lavoro sul nuovo Corriere Asia!

Ricevi una notifica quando sarà Online
Ok voglio ricevere la notifica :) 
close-link