Cina firma accordo di sfruttamento petrolifero con Nigeria

a cura di:

Archiviato in: in
22 Maggio 2006

HONG KONG: La Nigeria ha accordato alla China National Petroleum Corp. (CNPC) 4 delle 17 licenze per la trivellazione la scorsa settimana.

La firma dell’intesa rafforza gli accordi presi lo scorso mese nel corso di una visita del presidente cinese Hu Jintao. La Cina esplorerà due aree nel Delta Nigeriano e due nel bacino del Chad, uan regione ‘vergine’ per quanto concerne l’esplorazione petrolifera.

In cambio delle licenze, la Cina investirà 4 miliardi per la costruzione di un sistema ferroviario e di centrali, nonché per controllare una quota della raffineria di Kaduna, che produce 110 mila barili di greggio al giorno.

La Cina prevede di pagare 15 milioni di dollari per i diritti di sfruttamento nel Delta Nigeriano mentre pagherà una cifra di gran lunga inferiore per i diritti nel "rischioso" bacino del Chad.

La Nigeria è il maggiore produttore di petrolio in Africa e il settimo nel mondo con una produzione giornaliera stimata attorno ai 2.6 milioni di barili.

La Cina è il maggior consumatore di petrolio, dopo gli Usa.

Dato che il suo consumo è in costante crescita, la richiesta della Cina di nuove risorse di petrolio si fa sempre più urgente. L’accordo è significativo in quanto sancisce il primo passo della Cina per diventare il futuro player nel settore petrolifero nigeriano.

Ylenia Rosati