Cina, investimento nell’industria di costruzione va limitato

a cura di:

Archiviato in: in
8 Maggio 2006

La crescita economica del Paese potrebbe raggiungere il 9.5% nel 2006, superando le previsioni del Governo, un segno della necessità di limitare l’investimento, ha riferito il vice ministro delle Finanze Li Yong. In particolare, va controllato l’investimento del governo locale nelle industrie di costruzione, per evitare un’eccessiva capacità produttiva e un crollo dei prezzi, ha sottolineato Li nel corso del meeting della Banca dello Sviluppo Asiatico. L’investimento in industrie e progetti stradali nelle aree urbane ammonta al 29.8% nel primo quadrimestre di quest’anno. La banca centrale potrebbe ancora una volta alzare il suo tasso di prestiti dopo l’aumento già registrato lo scorso mese, il primo da ottobre 2004.

Siamo a lavoro sul nuovo Corriere Asia!

Ricevi una notifica quando sarà Online
Ok voglio ricevere la notifica :) 
close-link