Cina, potenziale minaccia militare, secondo Pentagono

a cura di:

Archiviato in: in
24 Maggio 2006

PECHINO : Il ritmo di crescita e la portata della modernizzazione delle forze militari cinesi potrebbero tradursi a lungo termine in una seria minaccia ad altri Paesi nella sua regione, avverte il Pentagono.

"Lo sviluppo militare della Cina è tale da aver già messo in questione gli equilibri militari regionali", precisa un rapporto annuale del Pentagono trasmesso al Congresso.

In questo documento, il Pentagono rivela che la capacità d’intervento del Colosso asiatico oltre le sue frontiere resta ancora limitata, tuttavia ritiene che la Cina disponga del più grande potenziale militare mondiale, che un giorno gli consentirà di competere con gli Stati Uniti.

Il rapporto annuale del Pentagono è un importante barometro sullo stato attuale delle relazioni militari tra Cina e Stati Uniti. Infatti, il documento, che l’anno scorso aveva previsto degli importanti aumenti nelle spese militari del Paese, quest’anno torna alla carica puntando il dito sulla mancata trasparenza di Pechino circa gli obiettivi del suo rafforzamento militare.

A breve termine, la modernizzazione militare cinese sembra orientata verso lo Stretto di Taiwan e include anche la possibilità di un eventuale intervento americano, precisa il rapporto.

La Cina possiederebbe a tutt’oggi 710-790 missili balistici a corto raggio.

Il Colosso asiatico ha inoltre sviluppato una nuova dottrina della guerra moderna, riformando le sue strutture militari e l’organizzazione delle sue truppe, migliorando la formazione e utilizzando nuove tecnologie nazionali o acquistate all’estero.

Una delle preoccupazioni per il Pentagono è infatti l’acquisto da parte di Pechino di aerei da trasporto e da rifornimento russi nonché la sua presunta volontà di comprare degli aerei di attacco SU-33.

Ylenia Rosati

Siamo a lavoro sul nuovo Corriere Asia!

Ricevi una notifica quando sarà Online
Ok voglio ricevere la notifica :) 
close-link