Cina, salario aumenta del 14.8%

a cura di:

Archiviato in: in
29 Maggio 2006

La carenza di manodopera ha causato lo scorso anno un aumento di quasi il 15% del salario medio, secondo uno studio condotto dalla Banca Popolare di Cina (PBOC), la banca centrale. Alcuni ricercatori attribuiscono la crescita degli stipendi ad una più dura competizione per i lavoratori tra società straniere e locali. Lo studio della PBOC mostra infatti un aumento del 14.8% nei salari medi nel 2005. I lavoratori dei centri urbani hanno guadagnato circa 18.400 yuan (2.300 dollari) nel 2005, contro i 16.024 (2.003 dollari) del 2004. La Cina centrale ha registrato il tasso di crescita più alto, attorno al 18%, sebbene gli stipendi in questa regione siano tradizionalmente più bassi che nelle altre aree. Tuttavia, i ricercatori hanno notato che l’aumento dei salari è prevalentemente concentrato nel settore statale e nelle società straniere, e poco diffuso nel settore privato, dove i lavoratori migranti sono ancora sottopagati.

Siamo a lavoro sul nuovo Corriere Asia!

Ricevi una notifica quando sarà Online
Ok voglio ricevere la notifica :) 
close-link