Cina: tutte le strade portano a Wall Street

8 Giugno 2006

PECHINO: Banche e istituti finanziari a Pechino si stanno trasferendo vicino Financial Street nella parte occidentale della città, destinata a diventare presto la versione cinese di Wall Street.

Con la piena apertura dei mercati cinesi, prevista per la fine di quest’anno, le banche d’investimento globale insieme ad altri gruppi finanziari si sono trasformati in un "alveare di attività".

Le maggiori banche d’investimento stanno lasciando il distretto commerciale centrale nei quartieri orientali della città, Dongcheng e Chaoyang, sperando che spostandosi a occidente anche i loro profitti aumenteranno.

Molte società statali e altri enti governativi importanti hanno qui i loro quartier generali.

Tra i nuovi arrivati in questo mercato immobiliare in rapida espansione figurano Goldman Sachs, JP Morgan, UBS e la Royal Bank of Canada, e anche ABN Amro sta seriamente considerando un trasferimento.

Il Governo progetta infatti di trasferire a Financial Street, nel distretto occidentale di Xicheng, il nuovo centro finanziario della città.

Lo sviluppo del distretto è iniziato nel 1990 e prevede di essere completato entro il prossimo anno, il piano è quello di attirare il maggior numero di imprese locali e straniere nella nuova area.

Oltre 500 organizzazioni e società cinesi hanno già stabilito qui il loro quartier generale, quali China Mobile, Datang Telecom Technology, China Netcom e China Telecom.

"Dobbiamo spostarci a Financial Street, dal momento che gli organi finanziari, le banche principali e perfino i nostri clienti sono tutti qui", sostiene un funzionario di una banca d’investimento, facendo eco a dichiarazioni simili da parte di Goldman Sachs e JP Morgan.

Inoltre, il Governo centrale pare abbia offerto anche degli incentivi alle banche straniere, per convincerle a trasferirsi nella nuova area, riferiscono delle fonti. Ma ovviamente anche qui gli affitti sono lievitati, arrivando ai livelli registrati nel vecchio distretto finanziario, a quota 234 yuan per metro quadro su Financial Street. La società immobiliare americana Excel ha acquistato 40mila metri quadri di spazio su Financial Street, per 810 milioni di yuan.

Secondo gli esperti, tutta quest’attività nella nuova area finanziaria non avrà però un impatto negativo sul vecchio centro finanziario di Pechino, che continuerà come sempre ad attrarre società e investimenti stranieri.

Ylenia Rosati