Cina-Usa: insieme per accorciare le distanze

a cura di:

Archiviato in: in
21 Aprile 2006

PECHINO: Il presidente cinese Hu Jintao e la sua controparte americana, George W.Bush hanno promesso ieri che lavoreranno insieme per accorciare le distanze che separano i due Paesi riguardo questioni che vanno dalla proliferazione nucleare iraniana al surplus commerciale cinese.

Bush ha rassicurato Hu Jintao che l’America si conformerà alla politica di "una sola Cina", nell’ambito dei suoi rapporti con Taiwan, questione in cima all’agenda cinese.

"Gli Stati Uniti manterranno la politica di ‘una sola Cina’ basata sui Tre comunicati e l’Atto sulle Relazioni con Taiwan", ha affermato Bush.

"Ci opponiamo a cambiamenti unilaterali nello status quo nello Stretto da entrambe le parti e chiediamo ad entrambe di evitare atti di provocazione o di confronto. Crediamo fermamente che il futuro di Taiwan possa essere risolto in maniera pacifica", ha aggiunto Bush.

Hu ha ascoltato la serie di problematiche e dubbi esposte da Bush con la promessa di lavorare insieme diplomaticamente per allentare le tensioni nucleari con la Corea del Nord e l’Iran.

Inoltre Hu ha espresso il suo impegno nella promozione dei diritti umani in Cina.

Quanto a Taiwan, Hu ha ribadito "Continueremo a lottare per la riunificazione pacifica delle due parti" e ha aggiunto "La Cina non permetterà mai a nessuno di sostenere il tentativo di secessione di Taiwan."

Quanto alla questione commerciale, Bush ha ribadito che continuerà a spingere affinché la Cina si indirizzi verso un "tasso di cambio flessibile" per lo yuan, sottolineando che la Cina deve praticare un ‘commercio leale’ e permettere alle società americane di accedere ai mercati cinesi.

Bush ha anche detto che Cina e America devono lavorare insieme su questioni internazionali quali la lotta al terrorismo e la diffusione delle armi di distruzione di massa.

Hu, da parte sua, ha ribadito che la Cina promuoverà la richiesta interna per creare maggiori opportunità di cooperazione e scambi commerciali tra Cina e America, continuando nel frattempo le riforme della sua valuta e lottando contro la pirateria per il rispetto dei diritti di proprietà intellettuale.

Rivolgendosi ai giornalisti subito dopo il meeting, Bush ha riferito che non stati fatti grandi progressi, tuttavia ha affermato"Non siamo d’accordo su tutto ma possiamo discutere dei nostri dubbi in un’atmosfera di amicizia e cooperazione."

Ylenia Rosati