CMEC vince appalto in Gabon

a cura di:

Archiviato in: in
6 Giugno 2006

PECHINO: Lo stato africano del Gabon ha concesso alla Cina il diritto esclusivo allo sfruttamento delle vaste e inesplorate riserve di ferro, e il diritto a costruire un collegamento ferroviario che dalla costa raggiunga le interne foreste tropicali, dove sono site le miniere.

Il consorzio cinese impegnato nell’operazione è la CMEC, China National Machinary & Equipment Import & Export Corporation.

Nella dichiarazione si legge che il governo africano dovrebbe condividere parte degli utili, ma non sono stati forniti ulteriori dettagli.

I lavori dovrebbero cominciare entro la fine dell’anno, e la prima estrazione del minerale dovrebbe avvenire prima del 2010.

La decisione da una spallata alla brasiliana CVRD (Vale do Rio Doce), che dall’aprile dello scorso anno ha diretto un consorzio con CMEC e Sinosteel, in accordo con il gruppo francese Eramet.

All’interno del governo del Gabon, la disputa è stata tra Richard Onouviet, Ministro delle Risorse e del Petrolio che sosteneva l’offerta brasiliana, e Jean Ping, Ministro degli Affari Esteri che ha sostenuto l’offerta cinese.

Il ferro in Gabon fu scoperto nel 1955 a Belinga, 500 chilometri ad est di Libreville la capitale del paese. Il sito di Belinga, uno dei più ricchi al mondo, non è mai stato esplorato a causa dei costi estremamente proibitivi.

Marianna Sacchini

Siamo a lavoro sul nuovo Corriere Asia!

Ricevi una notifica quando sarà Online
Ok voglio ricevere la notifica :) 
close-link