Come una nascita può influenzare il mercato

a cura di:

Archiviato in: in
29 Gennaio 2007

TOKYO: Il problema del calo demografico è comune nel mondo industrializzato e il Giappone non fa eccezione. Il saldo negativo fra le nascite e i decessi viene spesso compensato, del tutto o in parte, dall’arrivo di immigrati provenienti da paesi limitrofi. Questo è vero per la maggior parte dei paesi industrializzati, ma non per il Giappone.

Per sua conformazione fisica, il paese del Sol Levante è difficilmente raggiungibile dalle torme di disperati alla ricerca di un lavoro, più o meno regolare. Anche la complessità della lingua tiene lontano gli immigrati dall’arcipelago. In mancanza di un valido apporto dall’immigrazione, il calo demografico in Giappone sta assumendo i connotati di un serio problema sociale.

Alla fine di ogni anno si raccolgono dati, si compilano statistiche, si emettono stime. Il 2005, per il sesto anno consecutivo, si è chiuso con una diminuzione del tasso di natalità che si è attestato a 1.26 (numero di figli per ogni donna), ma a fine 2006, non senza una certa sorpresa negli osservatori internazionali, è leggermente aumentato passando a 1.29. Per quale motivo ? E’ finalmente terminato il trend negativo ? Le donne hanno di nuovo scoperto la gioia della maternità ?

No, la ragione è essenzialmente da ricercare nella nascita dell’erede al trono imperiale: Hisahito.

Il 2006 è stato un anno importante per il Giappone e per la famiglia imperiale che era alla disperata ricerca di un erede maschio che andasse a coprire la terza posizione nella linea di successione.

Dopo quaranta anni di attesa finalmente è arrivata la nascita di Hisahito, figlio del Principe Akishino e della Principessa Kiko. L’Imperatore, con la sua famiglia, ha una grandissima importanza per i giapponesi che vedono in lui un padre di famiglia, un modello da imitare, il custode della tradizione e dell’unità dello Stato. Era logico quindi che molte giovani ragazze cercassero di imitare la Principessa Kiko anche nella gravidanza; un bambino nato nello stesso anno del futuro Imperatore è senza dubbio un segno beneaugurate. Ecco il motivo principale di questo leggero incremento del tasso di natalità.

Il maggior numero di nascite ha portato anche ad un incremento degli acquisti nel settore dell’infanzia (alimentazione, vestiti, giochi). Ma la nascita di Hisahito ha avuto anche uno benefico influsso sul settore del turismo. Molte giovani coppie hanno deciso di sposarsi nel corso del 2006 per sfruttare la coincidenza anch’essa vista come auspicio di un matrimoni felice e durevole.

L’aumento dei matrimoni ha di conseguenza portato ad una richiesta di viaggi di nozze con un piccolo boom nel settore turistico.

Purtroppo però le nascite nella famiglia imperiale sono un evento raro e quindi già da quest’anno tutti i dati dovrebbero tornare nella norma. Il trend delle nascite continuerà ad essere negativo e si cercherà di trovare un rimedio (incentivi economici, strutture di sostegno, riduzione delle tasse), non estemporaneo, che possa riportare il tasso di natalità al livello degli anni ’70 quando era intorno al 2.0 .

Cristiano Suriani