Conclusosi il 12esimo vertice APEC

a cura di:

Archiviato in: in
4 Giugno 2006

HO CHI MIN: Il 12esimo incontro al vertice dei Ministri del Commercio degli stati membri dell’APEC (Asia Pacific Economic Cooperation), si è concluso nella capitale vietnamita con un forte appello ai membri del WTO (World Trade Organization), affinché vengano, entro la fine dell’anno, chiusi i lavori del ‘Doha Round’.

I ministri si sono dimostrati favorevoli, nell’appoggiare la cosiddetta ‘Swiss Formula’, ovvero un accordo che preveda una riduzione tariffaria per incrementare l’accesso sul mercato di prodotti non agricoli.

I ministri hanno dichiarato di aspettarsi che si arrivi ad eliminare, a partire dal 2013, quelle distorsioni sul mercato agricolo, causate dai sussidi elargiti ai produttori interni.

Il Ministro del Commercio cinese, Bo Xilai, ha affermato che la Cina lavorerà con tutti i membri del WTO, per concludere il ‘Doha Round’.

‘Ci aspettiamo che i colloqui procedano attivamente e che i risultati possano creare un sistema economico mondiale equo e giusto’, ha dichiarato Bo.

‘Servono misure urgenti’, ha continuato il ministro, soprattutto nel comparto agricolo.

I ministri hanno raccomandato, che durante l’incontro dei membri del WTO, che si terrà questo mese a Ginevra, venga raggiunto un potenziale accordo sulle formule tariffarie e sui sussidi, che già si sarebbe dovuto ottenere entro la fine di aprile scorso.

Bo Xilai, ha sottolineato come sia necessario risolvere le problematiche agricole per consentire l’accesso al mercato globale ai PVS (paesi in via di sviluppo). Il ministro ha chiamato Stati Uniti e Unione Europea a provvedere ad un tangibile taglio ai sussidi all’agricoltura, che impediscono ai PVS, di entrare a far parte del mercato. Ha aggiunto inoltre, che tutte le parti dovrebbero offrire un trattamento speciale a specifici prodotti provenienti dai PVS.

‘I ministri dell’APEC, rappresentano circa metà del commercio mondiale e questo deve essere un motivo per rompere l’impasse che ha bloccato il ‘Doha Round’, ha dichiarato il ministro del commercio vietnamita, Truong Dinh Tuyen.

‘L’APEC è un barometro’, ha continuato il ministro vietnamita, facendo intendere, che le economie emergenti non possono continuare a stare ad aspettare i tentennamenti dei membri del WTO, e come sia necessario concludere le negoziazioni su tariffe e sussidi.

Il vertice che si è tenuto l’1 e il 2 giugno, a Ho Chi Min, ha toccato altre innumerevoli questioni, come quello di implementare la ‘Busan Roadmap’, che riprendendo gli obiettivi del forum di Bogor tenutosi nel 1994, vorrebbe mirare a costituire entro il 2010, un’area di libero commercio del Sud-Est Asiatico

I colloqui tra i ministri hanno anche toccato il problema dell’influenza aviaria e della pirateria commerciale. Il 13esimo vertice APEC avrà luogo ad Ha Noi tra il 4 e l’8settembre.

Marianna Sacchini

Siamo a lavoro sul nuovo Corriere Asia!

Ricevi una notifica quando sarà Online
Ok voglio ricevere la notifica :) 
close-link