Conoscere il Giappone attraverso anime e manga

a cura di:

Archiviato in: in
Conoscere il Giappone attraverso anime e manga

27 Luglio 2007

"Con gli occhi a mandorla: sguardi sul Giappone dei cartoon e dei fumetti" 2° edizione

Ponticiello R., Scrivo S. (a cura di)

Latina: Tunuè

336 pagine

Euro 18,50

Il Giappone ha cominciato a diventare popolare nel nostro paese negli anni ’70, quando i suoi anime- al tempo erroneamente chiamati ‘cartoni animati’- iniziarono ad invadere la programmazione televisiva italiana. Seguiti in breve tempo dai fumetti giapponesi- i cosiddetti manga- questi prodotti portarono la cultura e la società giapponese in Italia, ma furono troppo spesso oggetto di incomprensioni culturali e fraintendimenti. Ancora oggi, persistono nel nostro paese molti dei luoghi comuni diffusisi in quel periodo sul Giappone e su anime e manga (come ad esempio che questi siano dei prodotti per bambini, quando nel loro paese d’origine sono piuttosto una forma di intrattenimento rivolta a diverse fasce di età). Il libro "Con gli occhi a mandorla: sguardi sul Giappone dei cartoon e dei fumetti" analizza quegli elementi della società nipponica che appaiono in anime e manga e che spesso non sono intelligibili per chi non conoscesse a fondo la società giapponese. Il libro analizza inoltre la posizione stessa di cartoon e fumetti nel loro paese d’origine, ossia- come già detto, quale forma di intrattenimento sia per bambini che per adulti.

I saggi "Anime quotidiane", "Anime alla moda!", "Anime a scuola" spiegano alcuni aspetti della vita quotidiana nel paese del Sol Levante che emergono dalla produzione pop del paese. Tra questi, vengono analizzate le gerarchie familiari, la struttura delle abitazioni, delle strade e dei mezzi di trasporto, i divertimenti più in voga tra i giovani, il sistema scolastico (con le sue uniformi e i suoi club sportivi) e l’evoluzione della moda dagli anni ’60 in poi con riferimenti continui alle loro apparizioni nei manga e negli anime. Questo rende la letteratura molto interessante, dato che la maggior parte dei lettori ricorda gli anime che hanno scandito la propria infanzia e vedrà spiegati all’interno del testo quegli elementi che gli risultavano più incomprensibili.

Nel saggio "Ad est di Oliver Twist" Marco Pellitteri risponde alla critica comune che i cartoni animati giapponesi siano fondamentalmente delle lagne e che le trame siano tragiche e angoscianti (e pensando a Candy Candy, Georgie! e Heidi è difficile smentire tale affermazione). In realtà, emerge che molti autori giapponesi si sono in realtà ispirati proprio ad opere occidentali seguendo un filone commerciale in parte ispirato dai feuilletons francesi dell’800. Il saggio della Scrivo, che fa da prologo ad una sua prossima pubblicazione, analizza brevemente la coscienza di identità di genere nel manga e nell’anime, come specchio di una tradizionale visione culturale giapponese. Infine, per chi fosse interessato al Giappone "delle spade", il saggio di Di Fratta presenta un’interessante descrizione del Bushido (la via dei samurai), ancora una volta con citazioni e rimandi "pop".

"Con gli occhi a mandorla" è un testo scorrevole, adatto agli studiosi di nipponistica così come a chi è semplicemente interessato a scoprire qualcosa di più sul Giappone, paese che ha già imparato a conoscere da bambino attraverso i "cartoni animati" e i fumetti spesso mal visti dagli adulti del tempo. Con questi lettori in mente, il libro vi conduce per mano attraverso la comprensione di differenze culturali e sociali che tuttavia, nei nostri cuori di bambini, noi avevamo già perdonato.

Ameriga Giannone