Corea del Nord mette in guardia da aerei spia americani

12 Giugno 2006

PYONGYNAG: La forza aerea nord-coreana ha minacciato ieri di "punire" l’America per i suoi aerei spia che hanno sorvolato il Paese, ricordando cosa era successo ad un aereo della marina americana, abbattuto 37 anni fa.

Un aereo americano di ricognizione RC-135 avrebbe sorvolato le acque del Paese il 6,8 e il 10 giugno, riferisce l’Agenzia di stampa ufficiale nord-coreana.

"La forza aerea nord-coreana avverte seriamente gli ‘imperialisti’ americani che provvederà a punire severamente gli aggressori qualora i loro aerei continuino a sorvolare illegalmente i nostri cieli…in missioni di spionaggio. Farebbero meglio a non dimenticare la fine miserevole che hanno fatto i loro EC-121 negli anni’60", recita il rapporto dell’Agenzia di stampa nord-coreana.

Gli aerei da combattimento nord-coreani avevano abbattuto l’aereo di ricognizione lungo la costa orientale del Pese nel Mar del Giappone, quello che i coreani chiamano il Mare orientale, nell’aprile del 1969. La Corea del Nord è alquanto sensibile alla questione degli aerei spia americani, infatti le forze militari hanno pubblicato un rapporto mensile sullo spionaggio aereo americano.

La dichiarazione di ieri è stata fatta a nome del comando delle forze aeree della Repubblica di Corea. Secondo degli esperti nord-coreani a Seul, la dichiarazione sarebbe stata fatta per attirare l’attenzione americana di nuovo sulla questione nucleare in stallo.

Ylenia Rosati