Educazione sessuale in Cina: meno anatomia e più morale

a cura di:

Archiviato in: in
27 Giugno 2006

PECHINO: Le autorità di Guangzhou hanno chiesto una revisione del sistema dell’educazione sessuale, rinunciando all’insegnamento scientifico basato sui testi scolastici, e focalizzandosi invece sulla morale.

Per proteggere i giovani e la società in generale dal virus dell’AIDS, nonché dalle gravidanze giovanili, la città della provincia meridionale del Guangdong ha introdotto classi di educazione sessuale già nei kindergarten a partire dal 2004. Dei corsi sul sesso sono già offerti in 41 scuole sperimentali, incluse 28 tra elementari medie e 13 asili.

Infatti, un sondaggio condotto dall’Ufficio sull’educazione di Guangzhou lo scorso anno ha rivelato la crescita nel numero di studenti al disotto di 18 anni ad aver avuto rapporti sessuali o aborti. I corsi di educazione sessuale saranno inseriti nell’agenda dell’insegnamento ufficiale in tutte le scuole della città, focalizzandosi meno sull’anatomia umana e più sulla moralità. Le nuove edizioni dei testi scolastici includeranno anche argomenti sensibili, finora trascurati, quali la prevenzione dall’AIDS e la gravidanza o anche la masturbazione, concentrandosi sulla psicologia sessuale e l’etica.

Ylenia Rosati