Cina norme antiriciclaggio

a cura di: Lorenzo Riccardi

Archiviato in: in ,
cina norme antiriclaggio

La Cina ha promulgato le nuove misure antiriciclaggio (“Administrative Measures for Financial Institutions’ Reports of Large-value and Suspicious Transactions”), in vigore dal 1 Luglio 2017, con l’obiettivo di migliorare il monitoraggio di transazioni finanziarie sospette e relative a riciclaggio, finanziamenti terroristici, corruzione e frode fiscale.

In aggiunta al requisito per cui le istituzioni finanziarie sono tenute a riportare transazioni sospette alla PBoC in accordo con il criterio di “ragionevole dubbio” – a prescindere dell’ammontare della transazione – le soglie per cui le istituzioni finanziarie sono tenute a riportare transazioni di largo ammontare e sospette presso la China Anti-Money Laundering Monitoring and Analysis Center sono state modificate come segue:

  • Singole transazioni in contanti superiori a 50,000 RMB o serie di transazioni in contanti superiore ai 50,000 RMB in un singolo giorno;
  • Singole transazioni in valuta estera superiori a 10,000 USD o serie di transazioni in valuta estera superiore ai 10,000 USD in un singolo giorno;
  • Singoli trasferimenti di fondi superiori ai 2 milioni RMB o serie di trasferimenti di fondi superiori ai 2 milioni RMB in un singolo giorno tra conti correnti di entità giuridiche e terze parti;
  • Singoli trasferimenti di fondi in valuta estera superiori a 200,000 USD o serie di trasferimenti di fondi superiori a 200,000 USD in un singolo giorno tra conti correnti di entità giuridiche e terze parti;
  • Singoli trasferimenti domestici di fondi superiori a 500,000 RMB o 100,000 USD tra conti correnti di persone fisiche e terze parti;
  • Serie di trasferimenti domestici di fondi superiore a 500,000 RMB o 100,000 USD in un solo giorno tra conti correnti di persone fisiche e terze parti;
  • Singoli trasferimenti cross border di fondi superiori a 200,000 RMB o 10,000 USD tra conti correnti di persone fiiche e terze parti;
  • Ogni seried di trasferimenti cross border di fondi superiore a 200,000 RMB o 10,000 USD in un singolo giorno tra conti correnti di persone fisiche e terze parti.

 di Lorenzo Riccardi e Luigi Wang

Lorenzo Riccardi

Lorenzo Riccardi

Insegna fiscalità asiatica presso Shanghai Jiao Tong ed è Adjunct Associate Professor alla Xian Jiao Tong Liverpool University. Si è specializzato in fiscalità internazionale all'IBFD di Kuala Lumpur e nel 2016 ha conseguito una borsa di studio per un progetto di dottorato di ricerca sulle economie del Far East presso Shanghai University. E’ segretario dell’Associazione degli Accademici italiani in Cina ed e’ stato ammesso come International Associate dell’American CPA Association, membro di Australia CPA, dell'Ordine dei Dottori Commercialisti, del Registro dei Revisori in Italia e International Affiliate dell’Hong Kong Institute of CPAs. Vive e lavora a Shanghai, dove si occupa di diritto commerciale e tributario, seguendo gli investimenti stranieri in Cina e Sud Est Asiatico. Ha ricoperto ruoli nella governance di istituzioni e gruppi societari, tra cui Giorgio Armani, Trussardi e Pomellato. E' socio dello Studio di consulenza RsA (www.rsa-tax.com), specializzato in Asia e paesi emergenti e ha ricoperto ruolo di Board Director della Camera di Commercio Italia-Vietnam, della Camera Italiana in Cina e di Chief Representative di Unimpresa a Shanghai. Ha pubblicato per Il Sole 24Ore Guida alla fiscalità di Cina, India e Vietnam, per Maggioli Editore cura le guide dei paesi dell’Asia Orientale e per Wolters Kluver è il responsabile della banca dati Asia. E’ membro del comitato scientifico di Corriere Asia e Fiscalità Estera. Per l’editore Springer cura una collana di testi su temi in ambito contabile e fiscale legati alla Cina e i suoi testi sono stati pubblicati in lingua italiana, cinese, portoghese ed inglese. Contatti: Website / LinkedIn