Famiglie di tycoon cinesi violano politica del figlio unico

a cura di:

Archiviato in: in
7 Marzo 2006

L’alto consigliere cinese, responsabile dell’attuale campagna demografica, ha chiesto l’applicazione di misure più severe per imporre al popolo dei nouveaux riches cinesi il rispetto della politica del "figlio unico". "Negli ultimi anni, sempre più magnati e ricche celebrità in Cina hanno violato la legge del figlio unico", riferisce Yang Kuifu — vice direttore della commissione sulla popolazione, risorse e ambiente – all’agenzia ufficiale "Nuova Cina". Yang ha anche avvertito il Governo che in Cina non sono più sufficienti multe salate a scoraggiare questo fenomeno. La questione demografica rientra nell’agenda discussa in occasione dell’Assemblea Popolare Nazionale che si sta tenendo in questi giorni a Pechino, ed in concomitanza della Conferenza Politica Consultiva del Popolo. L’ormai ventennale politica del "figlio unico" in Cina impone il limite di un solo figlio alle coppie che risiedono in città e di due a quelle che vivono in campagna, qualora il primogenito fosse una femmina. Il Governo sottolinea l’importanza di questa politica in un Paese come la Cina con una popolazione di 1,3 miliardi, che ne conterebbe 400 milioni in più se non fosse per questa politica.

Ylenia Rosati

Siamo a lavoro sul nuovo Corriere Asia!

Ricevi una notifica quando sarà Online
Ok voglio ricevere la notifica :) 
close-link