Filippine, arrestati ufficiali per tentato colpo di Stato

a cura di:

Archiviato in
13 Luglio 2006

MANILA: Sei ufficiali dell’esercito, tra i quali un capitano e alcuni tenenti, e due civili sono stati arrestati la scorsa settimana nelle Filippine mentre stavano organizzando un colpo di Stato. Gli ufficiali, accusati di far parte di un gruppo di ribelli, chiamato Magdalo (un gruppo di ufficiali ribelli delle Forze armate), progettavano di assumere il controllo del Parlamento prendendo in ostaggio alcuni dei suoi membri, ha riferito ieri il portavoce dell’esercito, il Colonnello Bartolome Baccaro. Sembra che gli ufficiali volessero stabilire un nuovo regime rivoluzionario. I sei uomini sono stati arrestati con l’accusa di aver guidato centinaia di soldati che hanno occupato degli edifici nel distretto finanziario di Manila. Una commissione è arrivata alla conclusione che l’ammutinamento del 2003 faceva in realtà parte di un piano più ampio, sostituire il presidente Gloria Arroyo, con un governo militare. Le informazioni circa il presunto complotto verrebbero dal ritrovamento di una serie di documenti nel corso dell’arresto del gruppo, lo scorso venerdì, in un edificio nella periferia di Manila. I documenti fornirebbero tutti i riferimenti del complotto, luoghi, date e target aggiuntivi.

Ylenia Rosati

Condividi
Condividi
+1
Tweet