Giappone-Cina: ministro del Commercio minacciato per suoi rapporti con Cina

a cura di:

Archiviato in: in
23 Maggio 2006

TOKYO: Il ministro del Commercio giapponese, noto per i suoi stretti rapporti con la Cina ha ricevuto ieri una lettera contenente una lama di rasoio, riferiscono i media giapponesi.

Toshihiro Nikai, uno dei pochi ministri nipponici ad avere contatti personali con i politici cinesi, lo scorso febbraio si è recato a Pechino per incontrare Wen Jiabao in un ennesimo tentativo di ricucire i legami tra i due Paesi.

Nella lettera il ministro viene accusato di "cedere alle lusinghe cinesi, svendendo il Paese", e viene invitato al "suicidio", secondo quanto riferito dalla polizia di Tokyo.

Il ministero di Nikkai è infatti incaricato di svolgere i colloqui con la Cina sui giacimenti di gas naturale contesi nel Mar Cinese Orientale, in cui Pechino porta avanti i suoi rilevamenti nonostante le richieste di interruzione da parte del Giappone.

L’ultimo round dei colloqui bilaterali non ha risolto i problemi, ciononostante le due parti sono comunque d’accordo per incontrarsi a giugno.

Ylenia Rosati

Siamo a lavoro sul nuovo Corriere Asia!

Ricevi una notifica quando sarà Online
Ok voglio ricevere la notifica :) 
close-link