Giappone ed Europa, business e ricerca sul solare: aziende giapponesi puntano su Spagna e Germania

a cura di:

Archiviato in: in
25 Agosto 2008

TOKYO: Il rilancio sulla questione energetica è da ricondurre in prima battuta ad una dichiarazione del governo giapponese durante lo svolgersi del G8 lo scorso luglio e che arrivò a confermare l’avvio di un piano di tagli fiscali al settore e di agevolazione all’accesso delle materie prime a favore delle aziende.

Un progetto che a partire dal 2009 permetterà gradualmente l’abbassamento dei costi per l’installazione di impianti solari foto-voltaici e termici anche per le abitazioni private. L’obiettivo è ambizioso e mira ad accumulare nella produzione di energie rinnovabili una quota del 3% del consumo energetico nazionale già entro il 2014.

Uno dei punti di forza della progettualità governativa giapponese è data sicuramente dall’osmotica reazione del mondo dell’imprenditoria e del business, anche nella veste più bassamente pubblicitaria, ed ecco perciò seguire alla dichiarazione ministeriale sul taglio fiscale, l’inaugurazione della prima casa ecologica: computer e condizionatori alimentati ad energia solare, acqua riscaldata da pannelli termici, turbine a sfruttamento eolico per l’illuminazione, automobile elettrica e robot umanoidi come inquilini.

Una dimostrazione d’avanguardia oppure semplice retorica? la risposta ancora non è data ma può essere abbozzata da quanto diffuso dalla stampa nazionale durante queste settimane estive: importanti aziende giapponesi operanti nel settore foto-voltaico hanno scelto l’Europa come terreno di progettazione, sviluppo e valorizzazione delle avanguardie produttive. Una vetrina che permetterà loro un balzo sul mercato europeo ed internazionale probabilmente ancora più rapido.

Il primo passo viene fatto già da Mitsui & Co già ai primi di agosto, con l’acquisizione dei progetti di sviluppo sul settore foto voltaico messi in atto da diverse imprese della Catalonia. L’operazione è stata mediata dalla IPM Eagle LLP, una società di investimenti con sede in UK e di cui Mitsui detiene il 30% delle azioni. Il progetto mira alla presa di possesso da parte del gruppo giapponese di strutture in grado di fornire già da subito 1,460 KWp, sufficienti per soddisfare il fabbisogno di quasi 400 unità abitative. Un buon punto di partenza per un progetto gestito da MItsui in Spagna,

Sempre sulla Spagna rientrano poi altri investimenti messi a punto da Sumitomo Corp, proprio sullo stretto delle Isole Canarie, per un ammontare di ben 8,5 miliardi di yen, atti a garantire uno sfruttamento energetico di 9.000 kWp. La fase iniziale del progetto verrà avviata già alla fine dell’anno.

Itochu Corp. ha acquisito poi il 10% della Scatec Solar AS, in cui partirà dal 2009 un investimento di 1,3 miliardi di yen per lo sviluppo sul solare. Tale progetto prevede la creazione iniziale in Germania di uno dei più grandi parchi solari e continuerà successivamente in Repubblica Ceca, con l’obiettivo di inserire sul mercato ben 130.000 kilowatts all’anno a partire dal 2010.

Il dialogo è reso ancora più intenso da nuove forme di agevolazione fiscale e di sostegno ai progetti che la comunità europea e la Spagna in particolare hanno perfezionato recentemente.

Di oggi è poi la notizia pubblicata sul Yomiuri Shinbun dello stanziamento da parte del governo giapponese di un fondo di circa 200 miliardi di yen e rivolto a ricerca, enti e università operanti nel settore "Eco-tech" a partire dall’anno fiscale 2009. Un budget che sarà accessibile in gran parte anche a società private e ad investitori stranieri che decideranno di operare produttivamente a sostegno delle tecnologie che favoriscano lo sfruttamento delle energie rinnovabili

Link Correlati

Paolo Cacciato – Asian Studies Group

Siamo a lavoro sul nuovo Corriere Asia!

Ricevi una notifica quando sarà Online
Ok voglio ricevere la notifica :) 
close-link