I trader indiani vanno online

a cura di:

Archiviato in: in
7 Dicembre 2006

NUOVA DELHI: Grazie alla Bank of India, i trader indiani hanno nuove possibilità per cogliere le opportunità del mercato. L’Istituto di credito del subcontinente ha infatti messo a punto una nuova piattaforma di trading online che permetterà ai clienti di negoziare i titoli senza impegnare il proprio broker o senza telefonare e far visita al proprio consulente. Un notevole risparmio, quindi, sia in termini di tempo utilizzato che di commissioni pagate.

La piattaforma della Bank of India è frutto di una partnership con la società Asit C Mehta Investment Intermediates Ltd, e stando alle dichiarazioni dell’Istituto si tratta di un sistema semplice, facile, veloce e trasparente, grazie al quale le abitudini dei trader indiani subiranno un notevole cambiamento.

I beneficiari di tale servizio saranno per ora i clienti delle oltre mille filiali indiane dell’Istituto, anche se — non vi è dubbio — a godere della possibilità saranno anche ulteriori destinatari, come i numerosi NRI (gli indiani non residenti) che si trovano in distanti città del mondo, come Londra o Singapore.

Il meccanismo della proposta è identico ai servizi di trading diretto diffusi nel resto del pianeta: il cliente sottoscriverà un contratto nelle filiali della banca e riceverà alcune chiavi di accesso segrete tramite le quali potrà accedere a una propria pagina personale dalla quale inviare ordini di acquisto e di vendita. Il tutto sarà — ovviamente — fruibile da ogni personal computer con accesso a internet.

L’Istituto ha inoltre comunicato che la piattaforma sarà pienamente operativa fra tre mesi, appena superato il periodo di prova. Per il lancio ufficiale occorrerà quindi attendere il 2007.

Roberto Rais