Il Sensex inizia la risalita

29 Agosto 2007

MUMBAI: Chiusura lievemente positiva ieri per la Borsa di Mumbai, che continua in tal modo la sua rapida risalita oltre la soglia dei 15.000 punti del Sensex.

Martedì la BSE ha dimostrato ancora una volta di attraversare un periodo di forte volatilità, con una seduta contrastata che si è fortunatamente conclusa con il segno positivo, con alcuni settori quali banche e telecomunicazioni che non hanno seguito il trend generale, siglando un discreto passo indietro. Alla fine delle negoziazioni Mumbai guadagnava 77 punti (0,52%) giungendo a quota 14.919,19 punti. Anche alla NSE il Nifty ha chiuso marginalmente positivo di 18 punti (+ 0,42%) arrivando a quota 4.320,7.

Più sensibili i rialzi nei giorni precedenti. Lunedì il Sensex alla BSE aveva ottenuto la migliore prestazione delle ultime tre settimane: era dall’8 agosto, infatti, che l’indice principale della Borsa di Mumbai non guadagnava così tanto in un’unica seduta (417,51 punti, pari al 2,9%), con una sessione molto positiva già durante le prime ore della mattina, complice l’alleggerimento momentaneo della tensione a Wall Street causata da una distensione nel nodo della crisi dei mutui subprime. Come spesso accade anche il Nifty ha seguito un andamento similare guadagnando il 2,7% (112,45 punti).

Ricordiamo inoltre che anche nella seconda metà della precedente settimana le Borse del subcontinente avevano registrato ottime performance. A titolo di cronaca si segnala che già mercoledì 22 il Sensex guadagnava 260 punti, giovedì 23 ulteriori 306 punti, venerdì 24 altri 260 punti.

Complice della risalita, come già detto, una parvenza di disgelo nell’intricata situazione determinata dalle difficoltà generate dalla crisi del sistema dei finanziamenti non garantiti negli Stati Uniti; gli analisti hanno previsto un periodo più o meno lungo di forte volatilità dei mercati, le cui cause vanno anche ricercate all’interno dei confini del subcontinente.

Secondo alcuni esperti, infatti, fino a quando la situazione politica indiana (e la situazione creditizia globale) non troveranno adeguata stabilità, la tendenza attuale sarà destinata a proseguire con oscillazioni ancora maggiori. Non hanno infatti generato l’attesa tranquillità le dichiarazioni di alcuni leader alleati della sinistra, i quali hanno dichiarato che le differenze evidenziate a riguardo dell’accordo nucleare tra Stati Uniti e India verranno risolte positivamente.

Roberto Rais

0/5 (0 Reviews)

ti è piaciuto questo contenuto?

esprimi il tuo giudizio

0/5 (0 Reviews)