Il Xinjiang registra produzione record di cotone

a cura di:

Archiviato in: in
1 Novembre 2006

URUMQI: La Cina, maggior produttore ed esportatore di prodotti tessili, registrerà quest’anno una crescita della produzione di cotone del 10,5%, secondo le stime della National Reform and Development Commission. L’output dovrebbe raggiungere i 6,5 milioni di tonnellate, 800.000 in più rispetto allo scorso anno. Il risultato positivo è dovuto soprattutto alle condizioni atmosferiche favorevoli nelle principali aree di coltivazione, in testa la provincia autonoma del Xinjiang, che vedrà la crescita annuale record dell’11% fino a 2,18 milioni di tonnellate alla fine del 2006. Il Xinjiang ha destinato quest’anno alle coltivazioni di cotone – caratterizzato da lunghe fibre, forte resistenza e buona filatura, è il migliore della Cina – appezzamenti per 1,24 milioni di ettari, oltre 95.000 in più rispetto al 2005. La provincia, che detiene il primato in Cina da 14 anni, ha originato solo lo scorso anno 1,95 milioni di tonnellate, pari a un terzo del totale del paese. Inoltre il governo ha stanziato 750 milioni di yuan – 93.75 milioni di dollari — per espandere la capacità di produzione nazionale nei prossimi cinque anni. La crescente industria del cotone sta creando nuove opportunità di lavoro per gli emigrati provenienti da altre province come Gansu, Sichuan, Henan e Shaanxi: solo negli ultimi due mesi circa 750.000 lavoratori sono giunti nel Xinjiang per raccogliere il cotone, guadagnando circa 1,5 miliardi di yuan — 190.000 dollari. Grazie soprattutto al contributo di Cina, India e Stati Uniti, la produzione mondiale dovrebbe raggiungere quest’anno i 25 milioni di tonnellate.

Siamo a lavoro sul nuovo Corriere Asia!

Ricevi una notifica quando sarà Online
Ok voglio ricevere la notifica :) 
close-link