India, il nuovo mercato del vino, sostiene Vinitaly

a cura di:

Archiviato in: in
7 Aprile 2006

E’l’India il nuovo mercato del futuro per i produttori vinicoli italiani, lo sostiene Confagricoltura in uno studio presentato ieri a Vinitaly.

La crescita economica dell’ India è infatti tra le più rapide del mondo, con un tasso medio del 5%, e i dati riferiscono oltre 300 milioni di consumatori, appartenenti al ceto medio e con un potere di acquisto sempre maggiore.

Crescono le importazioni di alimenti e bevande (+ 25% per anno), e sebbene il consumo di vino, secondo lo studio, sia ancora molto limitato (0,006 bottiglie l’anno pro capite), nei prossimi due anni si stima un notevole aumento dei consumi (+7 milioni di litri, pari a un +30% per anno). Grande importanza assumeranno i vini internazionali, che si affiancheranno e supereranno quelli domestici, poiché non esiste in India una tradizione vitivinicola. Attualmente in India il settore delle bevande alcoliche vanta un mercato di 675 milioni di litri, per un valore di quasi 3,5 miliardi di euro.

Quello del vino è un nuovo settore per l’India, dove occupa solo il 0,84% del mercato, tuttavia negli ultimi tre anni ha visto un aumento del 22%, e l’Italia rappresenta il suo secondo Paese esportatore, dietro la Francia.

Siamo a lavoro sul nuovo Corriere Asia!

Ricevi una notifica quando sarà Online
Ok voglio ricevere la notifica :) 
close-link