India: La visita dello Sceicco – poeta

5 Aprile 2007

NEW DELHI: Tra gli autorevoli rappresentanti delle autorità governative locali che in questi mesi compiono visite diplomatiche nel subcontinente dinanzi ai loro equivalenti indiani, non si può non citare la presenza, lunedì scorso, dello Sceicco Mohammed Bin Rashid Al Maktoum, uno dei personaggi maggiormente in vista di tutta la regione che si affaccia sulle acque del Golfo Persico.

Lo Sceicco Mohammed Bin Rashid Al Maktoum, in qualità di Vice Presidente degli Emirati Arabi Uniti, di cui è contemporaneamente anche Primo Ministro, ha definito il commercio bilaterale con l’India come il legale economico più importante dell’intera zona. Durante la sua breve visita, lo Sceicco si è lanciato in vere e proprie dichiarazioni d’amore verso il Paese asiatico, prevedendo un futuro roseo per entrambe le nazioni.

Con annunci entusiastici che hanno sorpreso i presenti, lo Sceicco ha ammesso che gli Emirati Arabi vogliono essere la nazione protagonista dell’intera regione proprio con l’aiuto dell’India. "Vogliamo essere i numeri uno, e non i secondi. Se uniamo le nostre forze, saremo i primi" — ha poi proseguito lo Sceicco Muhammed che oltre a essere il Premier e il Vice Presidente del proprio Paese, è anche un noto poeta, uno statista e una figura internazionale di spicco nel mondo delle corse dei cavalli. Non ultimo è anche il Governatore di Dubai, la città che più di ogni altra al mondo continua a conoscere un’incredibile vivacità costantemente alimentata dagli investimenti globali e dalla crescita del turismo.

Come è stato ricordato durante gli incontri cui hanno preso parte alcune tra le massime autorità indiane, il subcontinente è uno dei partner più importanti degli Emirati Arabi Uniti, seppur non possa costituire certamente il compagno d’affari principale. Nel gradino più alto del podio vi è infatti la Cina, che con un valore totale dei commerci bilaterali con la regione pari a circa 14 miliardi di dollari guida la classifica delle nazioni più presenti sulle meridionali sponde del Golfo. La stima degli investimenti bilaterali che riguardano l’India si ferma invece a quota 11 miliardi di dollari, sebbene sia in continua e rapida crescita.

Tra un’analisi economico — finanziaria e l’altra lo Sceicco ha poi ricordato quando per la prima volta fece visita all’India, nel lontano 1974 in compagnia del padre. "E oggi sono felice di poter dire che negli ultimi 3, 4 anni, l’India ha più che raddoppiato i suoi investimenti negli Emirati Arabi" — ha ripreso poi. "Il futuro è luminoso. Niente potrà fermarci dal diventare i leader. Voi avete una grande storia, una grande cultura, grandi scrittori e poeti. E anche noi." — ha infine dichiarato Mohammed Bin Rashid Al Maktoum.

Il Ministro indiano per il Commercio ha applaudito lo Sceicco definendolo come un leader visionario, responsabile della trasformazione di Dubai in una destinazione a forte attrazione di investimenti stranieri. Nello scambio di complimenti, il Ministro Kamal Nath ha anche detto: "Noi la guardiamo non solo come il leader degli Emirati Arabi Uniti, ma anche come il leader dell’intera regione".

Tra un apprezzamento, una citazione poetica e numerose (pre)visioni sul futuro, la visita dello Sceicco in India ha portato anche alla firma di tre memorandum di intesa tra alcune società indiane e diverse compagnie arabe, tra cui si ricorda quella tra il gruppo Hinduja e il Dubai World, il più grosso gruppo industriale degli Emirati. Se invece volete saperne di più sulla vita e sulle opere dello Sceicco poeta, potete visitare il suo sito ufficiale dove potrete giocare ai quiz presenti o scaricare le immagini con il volto dello Sceicco e alcune delle sue più importanti poesie. Al termine della visita ne saprete sicuramente di più sugli Emirati e su Dubai, e soprattutto avrete imparato numerose frasi da sfoggiare al momento più opportuno. A proposito, "se il poeta la vedesse, dimenticherebbe le parole delle proprie poesie".

Roberto Rais