India-UE, iniziati i negoziati per il libero commercio

a cura di:

Archiviato in: in
16 Ottobre 2006

NUOVA DELHI: L’India e l’Unione Europea hanno aperto il dialogo per rafforzare i legami economici e iniziare i preparativi per un accordo di libero scambio bilaterale, che dovrebbe eliminare le tariffe doganali per entrambe le parti. Secondo i funzionari dell’Unione Europea, le trattative non inizieranno prima di marzo 2007, dopo che tutti i paesi membri avranno dato la loro approvazione. Il Commissario al Commercio Peter Mandelson ha sottolineato che le trattative non riguarderanno solo la questione dei dazi, ma includeranno anche possibili accordi sui diritti di proprietà intellettuale, sulla politica della concorrenza e sulle regolamentazioni tecniche. "Siamo di fronte alla grossa opportunità di sviluppare una partnership tra l’India e i membri dell’UE", ha aggiunto Mandelson, "Siamo partner naturali con economie complementari e potenzialità di investimento non ancora sfruttate". Tra il 1980 e il 2005 il commercio bilaterale è passato dai 4.4 miliardi a 40 miliardi di euro annui, rendendo l’Europa il principale partner commerciale per l’India. Il 22.4% delle esportazioni dei 25 membri dell’UE è infatti diretto verso il subcontinente indiano. Tuttavia gli investitori europei trovano grosse difficoltà a entrare nel mercato indiano, non solo a causa della politica protezionistica che prevede dazi doganali molto alti, ma anche a causa della carenza di infrastrutture e della burocrazia troppo macchinosa.

Silvia Angeli

Siamo a lavoro sul nuovo Corriere Asia!

Ricevi una notifica quando sarà Online
Ok voglio ricevere la notifica :) 
close-link