Industria cinese IT, sulla strada giusta

a cura di:

Archiviato in: in
6 Aprile 2006

PECHINO: Il mercato cinese dell’IT, che in questi anni ha dato un forte contributo all’aumento sia del tasso di occupazione che del prodotto interno lordo, prevede nel 2006 una crescita del 14%, secondo quanto riferito ieri da una ricerca di mercato. Il centro di ricerca sulla tecnologia americano, International Data Corporation (IDC), prevede che la Cina investirà quest’anno circa 34.8 miliardi di dollari, contro i 30.5 miliardi nel 2005. "Il mercato cinese dell’IT è sulla strada giusta", ha riferito l’IDC in un documento promosso dall’associazione americana Business Software Alliance (BSA). L’IT sta giocando un ruolo sempre più importante nella realizzazione del miracolo economico cinese, sostiene la ricerca. "Nel 1989 l’IT contava solo il 2% del Pil in Cina, dal 2005 la sua importanza è cresciuta di almeno il 500%, contando ora il 10% della crescita nazionale. Il rapporto dichiara che entro la fine del 2006, il settore dell’IT vedrà un milone di nuovi posti di lavoro in Cina, rispetto al 2003, di cui la maggior parte correlati ai software. Il presidente della BSA ha inoltre sottolineato che l’associazione, tra i cui membri figurano anche i giganti del software quali Microsoft e SAP, è alla ricerca di nuove partnership con il Governo cinese e le associazioni industriali. Gli unici Paesi che vedranno più investimenti della Cina nel settore del’IT sono la Russia, l’India, la Turchia, l’Indonesia e il Vietnam, ma la Cina è il solo di questi a prevedere un aumento consistente del tasso di investimenti nell’IT nei prossimi 5 anni.

Ylenia Rosati

Siamo a lavoro sul nuovo Corriere Asia!

Ricevi una notifica quando sarà Online
Ok voglio ricevere la notifica :) 
close-link